Glocal news
appuntamento atteso

Vinitaly torna in presenza dopo due anni di stop. Zaia: "Serve un golden power per il vino"

Torna ad accogliere il pubblico, dopo due anni di stop forzato, la più importante fiera dedicata al vino.

Vinitaly torna in presenza dopo due anni di stop. Zaia: "Serve un golden power per il vino"
Glocal news 10 Aprile 2022 ore 18:36

E' partita ufficialmente domenica 10 aprile 2022 a Verona la 54° edizione del Vinitaly, la più importante fiera dedicata al vino che, come ogni anno, richiama migliaia di esperti del settore e visitatori da ogni parte d'Italia e non solo. E dopo due anni di "stop" a causa della pandemia, finalmente si è potuti tornare in presenza per gustare le eccellenze italiane.

Vinitaly, via alla 54° edizione

Come racconta Prima Verona, c'era grande attesa per il ritorno dell'evento più amato dagli appassionati di vino. Vinitaly durerà sino al 13 aprile a Veronafiere, sei mesi dopo la special edition di ottobre.

Presente all'apertura anche il presidente della Regione Luca Zaia, che ha sottolineato l'importanza dell'evento e del settore soprattutto per il Veneto:

“Verona torna ad essere la capitale mondiale del vino con Vinitaly che riapre le sue porte a visitatori e operatori dopo l’edizione del 2019. Una vetrina importante per il Veneto, che con i suoi 11 milioni e mezzo di ettolitri di vino prodotti, rimane anche la prima regione in Italia con il 36% delle esportazioni nazionali. Una conferma importante che attesta la qualità dei vini veneti, una eccellenza della nostra terra che in questi anni ha saputo conquistare la fiducia anche dei clienti e dei mercati mondiali. Sono 150 i Paesi del mondo verso cui il Veneto ha esportato il suo vino e oltre metà del valore delle esportazioni ha riguardato Stati Uniti, Germania e Regno Unito, seguiti, a distanza, da Canada e Svizzera. Questo per comprendere il valore del vino nell’economia del Veneto, un prodotto che rappresenta circa un terzo circa dell’export agroalimentare veneto e il 3,5% di tutte le merci esportate”.

Il momento difficile e la risposta del mercato

Il momento è difficile anche per il settore, nonostante il vino italiano (e veneto in particolare) sia un brand che non passa mai di moda. Anche se i costi potrebbero lievitare a causa delle conseguenze del conflitto in Ucraina:

“Sicuramente il tema della guerra in Ucraina sta pesando moltissimo anche su questo comparto e sulla reperibilità delle materie prime – prosegue il Governatore del Veneto -  Le capsule per l’imbottigliamento dei vini, ad esempio, sono quasi tutte acquistate nel mercato ucraino, oltre alle evidenti difficoltà nel trovare il cartone per il packaging".
Dobbiamo mettere da parte le prove muscolare a livello internazionale e puntare sul linguaggio della diplomazia per arrivare al più presto alla pace”. “Il mercato è libero, e io sono un incallito difensore del liberismo, ma c’è qualcuno che vuole mettere gli occhi sui nostri brand, sulle nostre aziende. Lo ripeto, serve un ‘golden power’ per il vino, uno scudo per difendere le nostre imprese, le nostre eccellenze, la nostra tradizione”.

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter