Glocal news
Folle richiesta

No Vax pretende esami per risultare inidoneo al vaccino, il medico replica: "Non sono un salumiere"

Il dottore ha ribattuto per le rime: "Forse non ha capito bene cosa regola il rapporto tra un paziente e il medico di famiglia". E poi ha ricusato il paziente.

No Vax pretende esami per risultare inidoneo al vaccino, il medico replica: "Non sono un salumiere"
Glocal news 05 Gennaio 2022 ore 12:20

La pandemia da Covid-19 sta mettendo tutti in difficoltà, ma c'è qualcuno che, da un paio d'anni a questa parte, sta patendo più degli altri l'attuale situazione di emergenza sanitaria. Stiamo parlando di tutti quei dottori, infermieri e medici di base che, giorno dopo giorno, sono in prima linea a salvare le vite di chi è afflitto dal virus.

Nonostante ciò, oltre al loro lavoro quotidiano coi pazienti, la frangia degli operatori sanitari si ritrova costantemente a dover gestire il confronto con tutti coloro che o negano l'esistenza del Covid o si oppongono alla vaccinazione, unico strumento in grado di farci uscire dal tunnel della pandemia. L'ultimo episodio, in questo senso, riguarda la denuncia di un medico di base che si è visto recapitare da un paziente No Vax la pretesa di eseguire di esami affinché lo esentassero dal vaccino. La sua risposta è stata schietta:

"Non sono mica un salumiere!".

No Vax pretende esami per risultare inidoneo al vaccino

Con tutti gli episodi di questo tipo, alla fine, ci si potrebbe scrivere un libro. Come raccontato da Prima Torino, il dottor Diego Pavesio, medico di base di Moncalieri, si è visto recapitare da un paziente No Vax la richiesta di esami affinché lo esentassero dalla vaccinazione anti-Covid. Qui di seguito la sua pretesa, con un tono battagliero:

"Buonasera dottore, vorrei farmi prescrivere degli esami del sangue per fare un controllo generale prima di effettuare il vaccino, grazie. In quanto mio medico di base lei e tenuto a fare ciò che le chiedo cioè la prescrizione di alcuni esami generali perché ho piacere di farmi un controllo e non devo dare spiegazioni del motivo.

Quindi le chiedo la cortesia di farmi la prescrizione di alcuni esami del sangue di controllo generale, sennò devo ritenermi obbligato a citare il suo nome ai carabinieri in quanto si rifiuta di fare il suo dovere, ed è già successo con mia moglie si è rifiutato di visitarla e di scriverle alcune cose richieste. Certo della sua comprensione la ringrazio anticipatamente".

Il medico risponde al No Vax: "Non sono mica un salumiere"

La risposta del dottor Pavesio non si è fatta attendere, ed anzi, è stata schietta e senza giri di parole.

"Forse non ha capito bene cosa regola il rapporto tra un paziente e il medico di famiglia in regime SSN. Io sono tenuto a visitarla (il mio studio è sempre aperto) e solo SE lo ritengo a prescriverle degli esami. E sono sempre IO a decidere quali esami. Il medico di famiglia non è un salumiere e lei non sta ordinando un etto di prosciutto. Allo stesso modo non può richiedermi degli esami perché lo ha deciso lei. Lei mi ha richiesto espressamente 'prima di effettuare un vaccino' e le ho risposto come avrei risposto a qualunque altro paziente.

È però andato oltre minacciando di 'fare il mio nome ai Carabinieri'. Lo faccia pure, attendo notizie. Nel frattempo ho provveduto a ricusarla in quanto 'venuto meno il rapporto di fiducia medico paziente' in modo che lei debba scegliersi un altro MMG che sicuramente sarà più comprensivo ed efficiente di me. E' un mio diritto, è previsto dall'ACN che regola il rapporto convenzionale e ne usufruisco quando non c'è un rapporto di fiducia tra medico e paziente, come in questo caso. Buona giornata e buon anno".

Il medico di base di Moncalieri (Torino), ha voluto condividere su Facebook i messaggi scambiati col suo paziente No Vax, sottolineando come la misura sia colma e arrivata, forse, alla follia.

IL POST: