Glocal news
Un caso incredibile

Muoiono lo stesso giorno, alla stessa ora, nello stesso luogo: il destino di due fratelli

Mario è morto il 22 ottobre 2021 nella casa di riposo in cui era ricoverato. Nel 2019 la stessa sorte è toccata al fratello Giuseppe Passoni.

Muoiono lo stesso giorno, alla stessa ora, nello stesso luogo: il destino di due fratelli
Glocal news 28 Ottobre 2021 ore 17:08

Uno strano disegno del destino, che pare aver tenuto i conti facendo calare il sipario sulla vita di due fratelli con una strana quanto singolare coincidenza. Due fratelli di Mezzago, in provincia di Monza e Brianza, sono morti lo stesso giorno, dello stesso mese, praticamente alla stessa ora ed entrambi nello stesso luogo:  la casa di riposo "Casa famiglia" di Busnago, a due anni di distanza.

Fratelli muoiono lo stesso giorno alla stessa ora

Come racconta Prima Monza, ad unire Mario Passoni e il fratello Giuseppe Passoni c’era anche l’amore per le proprie famiglie e il volontariato attivo, per il quale hanno speso gran parte della loro vita, soprattutto tra le fila dell’associazione volontari di Mezzago e nella Pro Loco. Arrivavano da una famiglia numerosa, molto conosciuta e benvoluta in paese. Mario aveva 83 anni ed è morto venerdì scorso, dove si trovava ricoverato dall’agosto dello scorso anno. Il fratello Giuseppe è spirato il 22 ottobre del 2019 nel medesimo luogo, precisamente due anni prima.

"Anche durante i mesi più bui e tristi della malattia, il pensiero di Mario era sempre rivolto ai volontari".

Con queste parole cariche di affetto Giuseppe Solcia, presidente di Auser Associazione Volontari Mezzago ha voluto ricordare la figura dell’83enne Mario Passoni, fondatore e storico volontario, da circa 30 anni, del sodalizio che si occupa di trasporti sociali.

Viene da chiedersi se si tratti di una semplice fatalità oppure se, in qualche modo, l'anniversario della morte del fratello Giuseppe possa aver inciso sullo stato emotivo di Mario, che ha chiuso gli occhi per sempre una settimana fa. Una risposta che, ovviamente, non avremo mai; piace pensare - soprattutto a chi resta - che possa esserci un tocco di poesia anche in circostanze tristi come queste. E che, in qualche modo, il cerchio si possa chiudere con un senso.

LEGGI ANCHE: Corre sulle minimoto e vince in memoria della mamma

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter