Glocal news
parlamento europeo

L'UE discute sulle necessità di regole per i social

Campomenosi: "serve più trasparenza, difendere libertà espressione"

L'UE discute sulle necessità di regole per i social
Glocal news 10 Novembre 2021 ore 13:15

In un audizione, portata avanti dall'eurodeputato Frances Haugen, lunedì 8 novembre all'interno del Parlamento Europeo a Bruxelles si è discusso di come l'UE debba iniziare a pensare di intervenire in maniera concreta sulla regolamentazione dell'utilizzo delle piattaforme online, in particolare dei social network.

Necessaria una regolamentazione dei social

Durante l’audizione è intervenuto anche l'eurodeputato Marco Campomenosi, Capodelegazione della Lega, il quale ha così commentato gli argomenti discussi

“L’audizione di Frances Haugen ha offerto numerosi spunti interessanti su tematiche di attualità che riguardano la vita di tutti noi. Abbiamo sottolineato le problematiche relative al funzionamento degli algoritmi, per consentire agli utenti di visualizzare opinioni differenti rispetto alla propria e per garantire libertà di espressione e un ambiente sicuro anche per i minori. Abbiamo evidenziato alcuni fatti che necessitano un intervento da parte dell’Ue, a cominciare dal dato che le piattaforme big tech abbiano la propria sede europea in Irlanda per motivi fiscali, cosa che ha creato problemi enormi. Nell’ultimo anno le autorità irlandesi sono riuscite a portare a termine solo 7 dei 10 mila ricorsi presentati dagli utenti di ciascun Paese Ue, rendendo impossibile per i cittadini vedere applicato il regolamento sulla protezione dei dati. Questo costringe le autorità nazionali a intervenire con stratagemmi come già l’autorità italiana sulla protezione dati personali quando dovette intervenire sul consenso degli under 14 per TikTok. Che senso ha avere regole se Bruxelles per prima non riesce a farle rispettare all'interno dell’Ue? Abbiamo inoltre chiesto come intervenire con regole più severe nei confronti dei colossi social evitando reazioni quali da un lato overblocking, creazione di filter bubbles o l’eliminazione della politica dal dibattito, dall'altro il rischio che norme severe e quindi costose non diventino un blocco all'ingresso nel mercato di nuovi attori e startup. Sono domande che devono trovare una risposta, all’interno delle istituzioni Ue, per tutelare i cittadini europei e tutti gli utenti”.