Glocal news
Regione Lombardia

L’attività del Consiglio regionale nel 2021: numeri da record

Da oggi online il tour virtuale in 3D di Palazzo Pirelli, novità assoluta nel panorama istituzionale italiano

L’attività del Consiglio regionale nel 2021: numeri da record
Glocal news 16 Dicembre 2021 ore 14:52

"La pandemia e il Covid-19 non hanno condizionato l’attività del Consiglio regionale, che nel 2021 ha lavorato senza interruzioni e ha continuato a svolgere regolarmente il proprio lavoro in ambito istituzionale e legislativo al servizio dei cittadini lombardi". A sottolinearlo è stato il Presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi, incontrando i giornalisti per gli auguri natalizi, a margine della Sessione di Bilancio.

Il lavoro svolto nel 2021 dal Consiglio Regionale

Il Bilancio di previsione in discussione in Aula sarà la 100° legge regionale approvata in questa legislatura e quest’anno. Complice anche la maratona sulla riforma della sanità lombarda, nel 2021 il consiglio regionale taglierà il traguardo delle 48 sedute consiliari convocate e riunite in un solo anno solare, un record in oltre 50 anni di vita dell’istituzione lombarda.

"L’Assemblea regionale si è confermata anche nel 2021 nel segno della sobrietà e del continuo contenimento dei costi della politica, confermandosi il parlamento regionale che presenta i costi per la politica più bassi d’Italia. Tra i provvedimenti legislativi approvati, il più importante e significativo è stato quello che ha riformato la legge n°23 sulla sanità lombarda, dopo 16 giorni e 116 ore di lavoro compresa una seduta domenicale e numerose sessioni notturne".

Tra gli obiettivi della riforma vi erano: il potenziamento del servizio sanitario regionale in particolare per la medicina territoriale, della prevenzione e dell’Assistenza Domiciliare Integrata; l’istituzione di Distretti, Case di Comunità, Ospedali di Comunità e Centrali Operative Territoriali; l’introduzione di nuove assunzioni di personale medico e infermieristico con la creazione della figura dell’infermiere di famiglia.

Da segnalare anche le leggi che hanno introdotto misure di sostegno mirate per i genitori separati e i soggetti che soffrono di disturbi alimentari, nonché per favorire il rilancio delle imprese e lo sviluppo economico dei territori. Particolare rilevanza la assume l’istituzione del Garante delle persone con disabilità. Altri provvedimenti di legge hanno regolamentato l’attività di piercing e tatuaggio e messo in campo strumenti di valorizzazione delle strade e dei sentieri di montagna e dell’agricoltura urbana.

Alcuni dati statistici sul Consiglio regionale

L’Assemblea regionale, che si è riunita 48 volte (16 sedute in più rispetto al 2020), ha approvato quest’anno 27 leggi, 12 proposte di atto amministrativo, 6 proposte di referendum e 22 proposte di nomina. Particolarmente significativa l’attività di indirizzo, con 9 Risoluzioni approvate, 77 mozioni e quasi 400 ordini del giorno, per una attività di indirizzo che quest’anno risulta essere la più “corposa” della legislatura.

Le Commissioni permanenti nel corso del 2021 si sono riunite 246 volte (219 le sedute dello scorso anno) e le Commissioni speciali e d’inchiesta 74 volte, approvando oltre 200 provvedimenti, a conferma di una attività consiliare nella preparazione delle leggi e dei provvedimenti particolarmente intensa, che ha visto anche l’istituzione di 33 gruppi di lavoro specifici all’interno delle singole Commissioni.
In forte crescita si conferma il numero di audizioni e incontri, 262 nel corso di quest’anno (nel 2020 furono 218) per un numero di 1086 soggetti auditi a fronte dei 742 dello scorso anno: un dato che conferma l’attenzione e la capacità di ascolto del Consiglio regionale nei confronti del territorio e la volontà di ricercare e concordare iniziative e soluzioni praticabili e condivise.
Tutte le sedute di Commissione quest’anno si sono svolte sia con modalità in presenza che da remoto.

L’attività dell'Ufficio di Presidenza

L'Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale, composto dal Presidente Alessandro Fermi con i Vice Presidenti Francesca Brianza e Carlo Borghetti, i Consiglieri Segretari Giovanni Malanchini e Dario Violi, ha il compito di organizzare l’attività del Consiglio e delle Commissioni, di sovrintendere alla struttura organizzativa del Consiglio, deliberare la proposta di bilancio del Consiglio, fornire gli indirizzi politico-amministrativi e gli obiettivi al Segretario generale e verificare la rispondenza della gestione e dei risultati conseguiti. Nel corso dell’anno l’Ufficio di Presidenza si è riunito 40 volte per produrre circa 340 deliberazioni.

Tra le prerogative dell’Ufficio di Presidenza rientra anche la concessione patrocini con la finalità di dare un contributo alle comunità locali e valorizzare identità e storia della regione: nel 2021 i patrocini concessi sono stati 176.

Il tour virtuale 3D di Palazzo Pirelli

Il Consiglio regionale della Lombardia, sfruttando le possibilità offerte dalle nuove tecnologie, ha realizzato un progetto in 3D grazie al quale chiunque potrà visitare Palazzo Pirelli attraverso un tour virtuale. Grazie all’utilizzo del software Matterport, l’istituzione regionale è in grado di fornire agli utenti online una vera e propria esperienza immersiva tra i principali spazi del Grattacielo: dall’Aula consiliare fino al suggestivo Belvedere situato al 31esimo piano, che offre una vista mozzafiato su tutta la città di Milano (nelle due versioni all’alba e al tramonto). Durante il tour sarà inoltre possibile accedere ad alcuni contenuti multimediali grazie ai collegamenti situati all’interno degli spazi stessi: questi spunti informativi saranno utili all’utente per conoscere qualcosa di più sulla storia di Palazzo Pirelli, sulla funzione delle sue strutture e sulle persone che ci lavorano.

Si tratta di un progetto innovativo non solo per la città di Milano e per la Lombardia, ma anche per tutta l’Italia. In generale si può dire che il Consiglio regionale della Lombardia sia tra i precursori in questo campo: non sono molti, infatti, gli esempi di questo tipo nel resto del Paese. Tra questi si possono considerare edifici storici come il Duomo di Milano o Musei come gli Uffizi e il Museo egizio a Torino, che durante le chiusure forzate imposte dal lockdown hanno sperimentato questa possibilità.