Glocal news
Botta e risposta

Enrico Rossi indagato, intervengono Cap e Copit: "Ecco i fatti che abbiamo riferito alla Procura"

Dopo l'iscrizione nel registro degli indagati del Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, e le sue relative dichiarazioni, le aziende dei trasporti pubblici di Prato (Cap) e Pistoia (Copit) ricostruiscono la loro versione dei fatti ed i loro esposti in Procura.

Enrico Rossi indagato, intervengono Cap e Copit: "Ecco i fatti che abbiamo riferito alla Procura"
Glocal news 17 Giugno 2020 ore 19:05

Giornata di forti tensioni sul fronte dei trasporti dopo l'iscrizione sul registro degli indagati del Presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi. Ecco le repliche da parte di Cap e Copit, le aziende dei trasporti pubblici di Prato e Pistoia, sulla vicenda.

Indagato Enrico Rossi, intervengono Cap e Copit

Pubblichiamo il comunicato stampa diffuso a doppia firma da Cap e Copit in merito agli ultimi avvenimenti sul trasporto pubblico locale in Toscana che hanno portato il Governatore Enrico Rossi sul registro degli indagati.

Se vuoi saperne di più:

DA PRIMA PISTOIA: Enrico Rossi indagato, ecco i motivi

Con riferimento alla polemica sollevata intorno all’iscrizione nel registro degli indagati del Presidente Rossi, ed anche intorno alle apparenti ragioni di tale iscrizione, i sottoscritti ritengono di dover riportare le cose al vero. Una serie di anomalie e di singolarità, nel corso della procedura di gara pubblica, hanno indotto due Società consorziate (CAP di Prato e COPIT di Pistoia) a riferire i fatti alla competente Procura della Repubblica, rispettivamente nel Giugno e nel Dicembre 2019.

Sono stati riferiti fatti, non opinioni, lasciando naturalmente alle indagini della Procura i necessari accertamenti. A proposito della intervista resa dal Presidente Rossi in data 13.11.2015, le due Società hanno rappresentato alla Procura che il Presidente, dando la gara per vinta da RATP, aveva manifestato malcelato disprezzo per le Società toscane ed elogi per la Società francese RATP.

Viceversa, RATP (e con lei Autolinee Toscane, che fa parte del gruppo) non aveva vinto niente, giacché era ancora in corso la valutazione da parte della Commissione giudicatrice del PEF (Piano economico finanziario) presentato dai due concorrenti: valutazione che è stata effettuata soltanto dopo l’intervista, in data 17.11.2015, mentre l’aggiudicazione provvisoria a favore di Autolinee Toscane è avvenuta ancora dopo, in data 24.11.2015.

Le due Società toscane hanno chiesto quindi alla Procura di verificare se, attraverso le dichiarazioni del Presidente Rossi, sia stato condizionato ed influenzato l’operato della Commissione giudicatrice, la quale, dopo l’intervista, aveva svolto il suo esame ed aveva concluso che il PEF prodotto (anche) da Autolinee Toscane era coerente e sostenibile rispetto alle prescrizioni di gara. Tale verifica appariva ancora più necessaria per la circostanza che il TAR Toscana, con sentenza in data 21.9.2016, aveva annullato l’aggiudicazione in favore di Autolinee Toscane-RATP proprio per la non conformità e la non coerenza del PEF, con ciò palesando il rilievo essenziale che tale documento possedeva ai fini della aggiudicazione della gara e la valutazione antigiuridica che ne aveva fatto la Commissione giudicatrice.

Si osserva infine che la Procura ben avrebbe potuto e dovuto chiedere la archiviazione, qualora avesse ritenuto infondati gli esposti, e che essa - viceversa - sta procedendo, dopo lunghi mesi di indagini. In quanto poi alle scomposte dichiarazioni del Presidente Rossi, che tratta da calunniatori gli autori degli esposti e delle denunce, le persone e le Società interessate reagiranno nelle competenti sedi giudiziarie.