Glocal news
Smascherata dai carabinieri

Dottoressa No vax fingeva di vaccinare, ma la dose finiva nel cotone idrofilo

E sì che diceva d'esser riuscita a convincere un gruppo di pazienti reticenti alla vaccinazione anti Covid...

Dottoressa No vax fingeva di vaccinare, ma la dose finiva nel cotone idrofilo
Glocal news 06 Novembre 2021 ore 09:56

Fingeva di vaccinare i suoi pazienti, ma non iniettava loro il siero: la dose finiva nel cotone idrofilo. Una dottoressa in servizio all'hub vaccinale di Lurate Caccivio, in provincia di Como, è stata denunciata. Medico di base, lo avrebbe fatto per far ottenere ad alcune persone il Green pass: si sospetta facesse addirittura parte di un giro di falsi lasciapassare verdi.

Si era proposta di immunizzare una ventina di pazienti fragili in arrivo da diverse parti della Lombardia, ma i colleghi insospettiti hanno chiesto l'intervento dei Carabinieri, che l'hanno smascherata.

Medico No vax fingeva di vaccinare

Come riporta Prima Como, la dottoressa aveva raccontato di essere riuscita a convincere un gruppo di pazienti reticenti alla vaccinazione anti Covid. In realtà avrebbe finto di vaccinarli. L’episodio è avvenuto ieri, venerdì 5 novembre 2021, all’hub di Lurate Caccivio.

A raccontare l’accaduto la Cooperativa Medici Insubria, che gestisce l’hub.

“Questa mattina, nel nostro Hub vaccinale di Lurate Caccivio, era presente un medico per effettuare vaccinazioni Covid ad un gruppo di 17 pazienti da lui convocati. L’autorizzazione per tale attività è stata regolarmente conferita da Ats Insubria nei giorni scorsi in quanto il medico aveva dichiarato di aver convinto alcuni suoi pazienti reticenti con la rassicurazione che sarebbe stato lui stesso a somministrare il vaccino. Dopo qualche somministrazione effettuata il nostro collaboratore, che affiancava il professionista per la registrazione dei vaccini, si è insospettito per il comportamento e l’atteggiamento durante l'effettuazione delle somministrazioni. Informata la Responsabile dell'Hub, che era presente in quel momento, veniva monitorata la situazione e ad un controllo accurato, è emerso che il professionista fingeva la somministrazione senza, in realtà, effettuare il vaccino. L'attività vaccinale del professionista è stata immediatamente interrotta sino all'arrivo del Responsabile Sanitario dell'Hub Dottor Gianni Clerici che ha definitivamente bloccato la seduta e provveduto ad effettuare denuncia ai carabinieri di Appiano Gentile per le indagini del caso”.

Simona Clerici, responsabile dell’Hub di Lurate Caccivio, ha stigmatizzato l’accaduto:

“Abbiamo informato le autorità competenti per ulteriori approfondimenti del caso. Quello che tengo a precisare è che non si tratta di un professionista di Medici Insubria o di un Medico che abitualmente espleta l'attività vaccinale all'Hub di Lurate Caccivio. Quanto accaduto pesa molto di più di tutti i sacrifici fatti, dopo lo sgomento iniziale mi sento di ringraziare i nostri collaboratori che hanno prontamente rilevato il comportamento scorretto del professionista e lo hanno subito segnalato capendo la gravità di quanto stava succedendo".