Glocal news
solidarietà

Distribuiti 5mila pasti tra Brianza e Nord Milano

Un pasto da chef per chi è in difficoltà grazie a Europarty e Banco Alimentare

Distribuiti 5mila pasti tra Brianza e Nord Milano
Glocal news 26 Novembre 2021 ore 11:00

Si è concluso il progetto che ha permesso al Banco Alimentare della Lombardia di donare un pasto al giorno a circa 200 persone bisognose assistite dalle strutture caritative presenti sul territorio della Brianza e del Nord Milano. Distribuendo in tutto 4.596 pasti, cucinati dalla nota società di catering Europarty.

Quasi 5mila pasti donati

La pandemia ha amplificato l’emergenza alimentare anche in Brianza e nell’area a nord di Milano, dove, sempre più numerose, famiglie e persone in difficoltà si sono rivolte alle strutture caritative locali per poter accedere ad un pasto giornaliero. Per rispondere a questo bisogno crescente, un generoso donatore anonimo ha sostenuto i costi di 4.596 pasti, cucinati dalla nota società di catering Europarty, che Banco Alimentare della Lombardia ha distribuito nei mesi di ottobre e novembre 2021 a persone e famiglie in condizioni di fragilità attraverso strutture caritative del territorio. Europarty ha prodotto questi pasti di qualità mantenendo un costo molto contenuto. Il progetto è stato reso possibile anche grazie alla preziosa collaborazione della Trattoria Arlati di Milano.

Il commento di Banco Alimentare

Il Presidente di Banco Alimentare Lombardia, Dario Boggio Marzet, ha così commentato l'azione intrapresa insieme a Europarty, azienda leader nel settore catering, ricevimenti, matrimoni e banqueting, di Cesano Maderno.

“In un momento così delicato come quello che stiamo vivendo oggi a seguito della Pandemia Covid 19, questo progetto assume un significato che va oltre il valore del cibo: dare un pasto buono, equilibrato, preparato appositamente da chef professionisti rappresenta un’attenzione speciale dedicata a persone fragili, che talvolta si sentono un po’ messe ai margini. Un gesto di grande sensibilità e di vicinanza che, ci auguriamo, possa essere un esempio che, grazie a nuove donazioni specifiche, possa essere replicato”.