Glocal news
coop lombardia

Coop Lombardia aiuta il restauro della basilica di San Michele Maggiore

Acquistando l'apposita Card ideata da Coop di contribuirà a finanziare il lavoro dell'associazione "Il Bel San Michele"

Coop Lombardia aiuta il restauro della basilica di San Michele Maggiore
Glocal news 14 Ottobre 2021 ore 15:25

Nei punti vendita Coop di Pavia e provincia dal 16 ottobre è possibile richiedere la Card e sostenere l’Associazione “Il Bel San Michele”, contribuendo al restauro delle volte della basilica

La basilica di San Michele Maggiore

A pochi passi dalle rive del Ticino, è uno dei simboli di Pavia e uno dei luoghi più visitati e amati dai suoi cittadini. È la testimonianza più illustre e conosciuta dell’architettura romanica della città. Unica per l’aspetto costruttivo e decorativo, è uno dei monumenti più noti e rappresentativi del Romanico europeo.

La chiesa, che affascina per la sua copertura lapidea in bionda arenaria, era destinata alle incoronazioni regie almeno dall’età carolingia. Anche se questa funzione è stata svolta in gran parte dall’edificio che ha preceduto l’attuale, la magnificenza con cui fu attuata la ricostruzione romanica, nella prima metà del XII secolo, segnala la volontà di perpetuare ed esaltare il ruolo di città regia e imperiale a cui Pavia ha aspirato in età comunale e in seguito. Tale ruolo sarà riconosciuto ancora al tempo dell’imperatore Federico II. In San Michele furono incoronati: Berengario I (888); Ugo di Provenza (926); Berengario II e Adalberto II, nel 950; nel 1002 Arduino di Ivrea; poi Enrico II (1004) e infine nel 1155 Federico Barbarossa.

Le sculture: un’enciclopedia medievale

La basilica conserva uno dei più straordinari complessi di scultura romanica lombarda, databile al secondo-terzo decennio del XII secolo, in pietra arenaria, estratta dalle vicine cave dell'Oltrepò. Le figure scolpite, che decorano gli elementi architettonici, propongono un’"enciclopedia medievale ": sia all'esterno sia all'interno della basilica si snodano innumerevoli rilievi, alcuni che combinano figure umane e animali, come la sirena a due code, altri con soggetti più riconoscibili, come cavalieri, cacciatori, viandanti o le storie di Adamo ed Eva e della Genesi che corrono in facciata. Questo mondo scultoreo figurato aveva un valore allegorico o simbolico e aveva il compito di comunicare un preciso messaggio, oggi a noi incomprensibile, oltre a quello di catechizzare il popolo.

Associazione “Il Bel San Michele“ e il restauro

Dal 2011 l’Associazione “Il Bel San Michele” O.d.V. è attiva per promuovere la conoscenza e la valorizzazione della basilica di San Michele in Pavia attraverso convegni e visite guidate, e per reperire i fondi necessari al restauro della basilica che, per il suo immenso patrimonio storico, artistico e culturale, è conosciuta in tutto il mondo e conta circa centomila visitatori all’anno. Questa collaborazione con Coop Lombardia è fondamentale per portare il tema all'attenzione dei pavesi, come ha spiegato il presidente dell'associazione Vincenzo Vaccari

"Si tratta di un'iniziativa che ci ha visti fin sa subito entusiasti, in quanto grazie al contributo di Coop Lombardia ci permette di coinvolgere e sensibilizzare la popolazione di Pavia, sull'importanza storica della basilica di San Michele Maggiore. Questa collaborazione inoltre è per noi la riprova dell'impegno continuo e concreto di Coop Lombardia per lo sviluppo del territorio in cui opera, anche attraverso interventi di carattere economico come questo. San Michele rappresenta per Pavia la testimonianza di una storia passata importante, oltre ad patrimonio culturale di inestimabile valore, anche dal punto di vista turistico in quanto da tutta Europa sono sempre venuti a visitarlo. L'iniziativa di Coop Lombardia ci aiuterà a far riscoprire un elemento importante della storia di Pavia che desideriamo possa diventare parte dell'identità della città. Un'identità forte, attraverso la quale sarà possibile interpretare il futuro".

In questi anni, grazie alle donazioni, è stato possibile procedere al recupero di affreschi di volte e di cappelle, al restauro della scultura di Sant’Ennodio e al recupero della policromia dell’architrave di accesso alla cripta. Nel 2020 grazie alla generosità dei primi donatori e ai finanziamenti pubblici e privati è stato restaurato il manto lapideo del lato sud della basilica. Attualmente è stato approvato il progetto di restauro delle volte del presbiterio e dell’affresco della navata maggiore, che ricorda l’incoronazione di Federico Barbarossa. I restauri necessari sono ancora molti e per questo motivo l’Associazione confida nell’amore dei pavesi (e non solo) per continuare nei suoi progetti.

Il sostegno di Coop Lombardia

Coop Lombardia da sempre sostiene la cultura e le bellezze artistiche del nostro Paese. Da ottobre sosterrà anche l’Associazione "Il Bel San Michele" offrendo a Soci e clienti che si recano nei negozi Coop di Pavia e provincia per fare la spesa la possibilità di donare e di sostenere il restauro della basilica di San Michele Maggiore, con una card, direttamente alle casse.

Tutte le modalità per sostenere i restauri di San Michele sono reperibili SUL SITO
Oppure si possono richiedere informazioni alla mail info@ilbelsanmichele.eu