Glocal news
Suon Anna Monia Alfieri

Come migliorare la legge di bilancio nell'ottica della libertà scolastica

"Consentire alle famiglie, dopo aver pagato le tasse, di scegliere liberamente fra una scuola statale autonoma e una scuola paritaria libera".

Come migliorare la legge di bilancio nell'ottica della libertà scolastica
Glocal news 17 Dicembre 2021 ore 08:30

La pandemia ha inciso significativamente sui bilanci di molti nuclei familiari. Fra i vari effetti domino si registra anche la chiusura di molte scuole paritarie, soprattutto al Sud, in quanto le famiglie non sono più riuscite a pagare le rette.

"I Gestori delle scuole cattoliche, già indebitati, non hanno retto il colpo e hanno dolorosamente optato per la chiusura".

Questa la denuncia di Suor Anna Monia Alfieri, considerata una paladina della lotta per il diritto all’istruzione, che si batte ormai da decenni in favore delle scuole paritarie: nel 2020 la religiosa ha vinto l’Ambrogino d’Oro, proprio in virtù del suo impegno in tal senso. In una recente riflessione Alfieri ha spiegato che la pandemia si è rivelata una reale occasione per un cambiamento radicale. In meglio. Per questo pone l'accento sulla legge di bilancio e su come potrebbe essere migliorata:

"Rappresenta un’occasione unica per rilanciare il Paese proprio attraverso interventi in economia e nella scuola".

Suor Anna Monia Alfieri: "Migliorare la legge di bilancio per la parità scolastica"

"La pandemia che stiamo vivendo ha alzato il velo su una situazione che è solamente italiana: la Costituzione riconosce il principio della libertà di scelta educativa, la legge 62/2000 ha istituito il Sistema Nazionale dell’Istruzione che è formato da scuole pubbliche statali e scuole pubbliche paritarie. Nei fatti, però, chi sceglie per il proprio figlio una scuola pubblica paritaria è discriminato, poiché deve pagare due volte: paga le tasse allo Stato per un servizio di cui non si avvale, paga le rette che la scuola pubblica paritaria chiede per poter restare aperta. Si verifica, altresì, una discriminazione nella discriminazione: chi può, infatti, sceglie e accetta di pagare due volte, chi non può non sceglie e accetta di non poter scegliere. Un triste paradosso. Da anni lo vado denunciando".

Queste le parole della religiosa che pone l'accento sulle conseguenze delle chiusure di molte scuole paritarie:

"Docenti che hanno perso il posto di lavoro, studenti che si sono riversati nelle scuole pubbliche statali che non erano in grado di accoglierli per la mancanza atavica di personale e di strutture. Un disastro del quale solo le organizzazioni malavitose hanno approfittato. Una tale situazione non poteva lasciare indifferenti la società e la politica che hanno preso coscienza dell’ingiustizia e hanno constatato la veridicità di quello che andavamo ripetendo da anni: solo se i genitori sono posti nei fatti nella condizione di poter scegliere, la società può cambiare, in meglio. Così, grazie ad un Governo di unità nazionale, grazie, all’interno di esso, ad un Ministro dell’Istruzione serio e preparato, si è dato il via ad una serie di provvedimenti che hanno visto le scuole paritarie beneficiarie, d’assieme alle scuole statali, degli interventi economici legati all’emergenza. Anche la Cei, va ricordato, nel 2020 è scesa in campo con borse di studio a sostegno della libertà di scelta educativa".

Il cammino possibile verso la libertà di scelta educativa

Suor Anna Monia Alfieri propone quindi delle soluzioni concrete:

"Ecco, allora, le prossime tappe del cammino da percorrere e che conduce all’autonomia e alla libertà di scelta educativa: la legge di bilancio rappresenta un’occasione unica per rilanciare il Paese proprio attraverso interventi in economia e nella scuola. Le Regioni, le Province e i Comuni, le realtà ecclesiali e non sono chiamate ad intervenire concretamente per contrastare la povertà educativa, tenendo unito il Paese con un meccanismo di compartecipazione che consenta alle famiglie, dopo aver pagato le tasse, di scegliere liberamente fra una scuola statale autonoma e una scuola paritaria libera".

Come avverrà tutto questo? Anche in questo caso la religiosa ha le idee chiare:

"La legge di Bilancio si pone già nella direzione di investire nella scuola statale e paritaria: gli emendamenti migliorativi presentati da tutte le aree politiche — finanziamenti al comparto 0-6 anni, detrazione delle rette nella logica dei costi standard di sostenibilità per allievo, abilitazione dei docenti delle scuole paritarie, integrazione dei bambini disabili in un sistema integrato — devono assolutamente essere approvati. Ciò rappresenta la premessa fondamentale perché poi le regioni (sul modello di Regioni virtuose che prevedono già la Dote scuola, il voucher, il buono scuola) e gli Enti locali ma anche la Chiesa intervengano a favore degli allievi più deboli, perché provenienti da famiglie e da aree più svantaggiate economicamente. Intravedo una compartecipazione collettiva, in sinergia con il Patto Educativo Globale, che però deve tradursi in interventi strutturali che superino le attuali e terribili discriminazioni economiche che hanno mortificato la scuola e, di conseguenza, la società italiane."