Glocal news
Api Lecco e Sondrio

Aumenti costo energia: situazione drammatica, aziende a rischio stop

Consorzio Adda Energia: “Ora bisogna tutelare le imprese, aumenti fino al 75% da gennaio”

Aumenti costo energia: situazione drammatica, aziende a rischio stop
Glocal news 22 Dicembre 2021 ore 10:43

I prezzi di energia elettrica e gas stanno subendo rialzi giornalieri mai registrati prima e che con l’inizio del 2022 rischiano di diventare insostenibili per molte imprese. Il Consorzio Adda Energia in rappresentanza di circa 300 aziende del territorio ha voluto denunciare la situazione che "travalica la preoccupazione e sta velocemente virando verso il drammatico se quanto prima non sarà invertita la rotta".

Gli aumenti del costo dell'energia

Con riferimento all'aumento dell'energia elettrica il Consorzio ha fatto due esempi, con i valori di oggi sul mercato, per far comprendere la gravità della situazione:

Esempio 1: azienda media non energivora che consuma 1 GWh di energia elettrica (giga watt ora). Nel 2021 ha pagato 158 €/MWh per un totale annuo di 143.000 euro di spesa per l’energia elettrica. Nel 2022 pagherà l’energia 231 €/MWh per un totale di 210.000 euro l’anno: è un incremento del 46%.

Esempio 2: azienda media energivora che consuma 3.3 GWh. Nel 2021 ha pagato l’energia 106 €/MWh per un totale annuo di 349.000 euro, nel 2022 pagherà 186 €/MWh per un totale annuo di 613.000 euro: è un aumento del 75%.

L'allarme del Consorzio Adda Energia e Api

Come dichiarato da Ambrogio Bonfanti presidente del Consorzio Adda Energia di Api Lecco Sondrio:

“La situazione è oramai insostenibile le aziende italiane rischiano di dover chiudere linee per i costi energetici sconsiderati, nonostante i tantissimi ordini ricevuti. Le motivazioni che stanno dietro queste speculazioni non ci sono note, ma ne subiremo le conseguenze. Ora il Governo deve intervenire a tutela delle imprese, capiamo la necessità primaria di salvaguardare le famiglie e le fasce più deboli, ma con i prezzi attuali di energia e gas c’è il forte rischio che le piccole e medie imprese italiane chiudano linee e quindi taglino posti di lavoro. Inoltre, se non si interviene a difesa delle imprese saremo costretti ad aumentare i prezzi dei nostri prodotti e quindi anche il consumatore finale ne risentirà nei futuri acquisti, anche quelli di prima necessità"

Un allarme condiviso anche da Enrico Vavassori presidente Api Lecco Sondrio

“Ci troviamo in una situazione drammatica, bisogna intervenire quanto prima a livello europeo per cercare di tutelare le nostre aziende. Una nazione come l'Italia, a vocazione manifatturiera, dovrebbe avere un programma energetico che la renda indipendente o quantomeno permetta di limitare gli effetti di situazioni ingovernabili come quelle in atto. Ad appesantire le forniture elettriche, inoltre, dal prossimo anno ci saranno anche i costi del nuovo meccanismo del mercato, ovvero il Capacity Market, che si tradurranno in oneri aggiuntivi addebitati in fattura per tutti i clienti finali. In un momento complesso come quello che stanno attraversando le aziende sarebbe stato meglio che l’Autorità per l’energia rinviasse l'entrata in vigore del nuovo sistema”.