Glocal news
Cambio di rotta

Accoglienza profughi dall'Ucraina, Zaia: "Serve subito una deroga al super green pass"

L’Ema deve riconoscere al più presto il vaccino Sputnik altrimenti i civili ucraini in fuga dalla guerra che stanno arrivando in Veneto si troveranno di fronte a un blocco insuperabile di tipo sanitario.

Accoglienza profughi dall'Ucraina, Zaia: "Serve subito una deroga al super green pass"
Glocal news 02 Marzo 2022 ore 14:28

Per i profughi è necessario attuare subito una deroga al super greenpass, che non possono ovviamente avere perché anche i vaccinati lo sono con lo Sputnik.

Accoglienza profughi dall'Ucraina

Il Veneto si sta mobilitando per aiutare ed accogliere i profughi provenienti dall'Ucraina ma non mancano le problematiche imposte dalle complicazioni burocratiche.

I civili ucraini in fuga dalla guerra che stanno arrivando in Veneto e in tutta Italia hanno bisogno di aiuto immediato. Per prima cosa è quindi necessario evitare le complicazioni burocratiche prodotte dall’ufficio complicazione affari semplici nazionale”.

Lo ha detto il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, partecipando oggi, martedì 2 marzo 2022 alla manifestazione per la Pace indetta dai giovani della Coldiretti in prossimità della Fiera di Verona, dove è in corso Fieragricola 2022.

“Per i profughi – ha aggiunto Zaia – è ad esempio necessario attuare subito una deroga al super greenpass, che non possono ovviamente avere perché, anche i vaccinati, lo sono con lo Sputnik. L’Ema deve riconoscere al più presto questo vaccino altrimenti si troveranno di fronte a un blocco insuperabile di tipo sanitario. Ma non basta – ha incalzato Zaia – perché è necessario facilitare al massimo, con una sburocratizzazione d’emergenza, le assunzioni di chi è arrivato e cerca lavoro. Io stesso sto ricevendo offerte e disponibilità dal mondo del turismo, dell’impresa, del commercio e deve essere fatto in modo che chi vuole assumere lo possa fare velocemente e senza lacci burocratici”.

Conto corrente di solidarietà

E’ attivo il conto corrente di solidarietà su cui far confluire offerte e donazioni per l’assistenza ai profughi civili dell’Ucraina che stanno giungendo in Veneto, aperto dalla Regione. Queste le coordinate:

Conto corrente intestato a REGIONE DEL VENETO
Causale SOSTEGNO EMERGENZA UCRAINA
Iban IT65G0200802017000106358023
Bic/swift UNCRITM1VF2

Si consiglia di conservare la ricevuta di bonifico, poiché ogni versamento gode di detraibilità IRPEF e deducibilità IRES come previsto per le erogazioni liberali in denaro in favore delle popolazioni colpite da calamità pubbliche o da altri eventi straordinari, anche se avvenuti in altri Stati, effettuate tramite ONLUS, amministrazioni pubbliche statali, regionali e locali, associazioni sindacali etc.

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter