Esteri
Ladro maldestro

Scappa senza pagare la benzina... ma l'auto era a diesel, si rompe e lui resta a piedi

Ha selezionato l'opzione diesel al posto che benzina: la sua fuga è terminata miseramente dopo pochi metri

Scappa senza pagare la benzina... ma l'auto era a diesel, si rompe e lui resta a piedi
Esteri 04 Gennaio 2023 ore 14:44

I suoi piani di ladro si sono scontrati con lo scoglio della realtà pratica: voleva fare il pieno di benzina e sfrecciare via senza pagare... ma ha sbagliato pompa. La sua vettura infatti andava a diesel, ma lui ha messo la "verde". L'errore gli è stato fatale, la vettura si è guastata e l'ha lasciato a piedi dopo pochi metri.

Vuole rubare il pieno di benzina, ma resta a piedi

Un proverbio molto famoso recita "Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi", lasciando intendere che è facile combinare pasticci ma è più difficile evitarne le conseguenze. L'adagio popolare sembra calzare a pennello sul protagonista di questa vicenda di cronaca che arriva dall'estero, precisamente da Breda, nei Paesi Bassi.

Le intenzioni erano truffaldine: fare il pieno di benzina e fuggire a bordo della sua macchina senza pagare. Succede, però, che nella concitazione l'uomo ha rifornito l'auto alla pompa sbagliata: ha selezionato l'opzione diesel al posto che benzina, causando il blocco del motore a pochi metri di distanza dalla stazione di servizio.

Un misero tentativo di fuga

Diciamo proprio che la fuga non è neanche iniziata. Ma il personale della stazione di servizio lo aveva già notato perché aveva coperto le targhe del suo veicolo, probabilmente per non farsi riconoscere. L'intento era dunque chiaro. Il ladro è stato bloccato poco dopo proprio dal personale della stazione di servizio, che l'ha fermato mentre tentava di fuggire a piedi e ha chiamato la polizia, a cui lo ha consegnato.

Secondo quanto emerso pare che fosse recidivo: come confermato dalle autorità, il protagonista di questa sgangherata vicenda aveva già rubato carburante dalla stessa pompa e con lo stesso veicolo una settimana prima.

Seguici sui nostri canali