Esteri
Tragedia assurda

Tragico selfie di famiglia alle cascate: muoiono sei giovani

E' accaduto in India alle cascate Ramdaha: due ragazze sono finite in acqua, e quattro parenti sono deceduti nel tentativo di salvarle.

Tragico selfie di famiglia alle cascate: muoiono sei giovani
Esteri 04 Settembre 2022 ore 07:58

Un giorno di pace, relax e divertimento in famiglia. Una gita, da immortalare con l'immancabile foto. Un gesto che ancora un volta è risultato fatale. L'ennesimo caso in cui la voglia si scattarsi un selfie fa da preludio a una tragedia si è verificato in India dove sei giovani - tutti appartenenti alla stessa famiglia - sono morti durante una gita alle cascate Ramdaha.

Selfie alle cascate, sei morti

Erano in quindici, tutti parenti, e avevano deciso di fare una gita alle cascate  Ramdaha, nel distretto di Chhattisgarh, in India. La classica passeggiata, da concludere con un pic-nic, quattro chiacchiere, un po' di relax. E invece in un attimo quell'atmosfera di serenità ha lasciato il posto a una tragedia.

Secondo quanto ricostruito dalle autorità locali,   Shraddha Singh, 14 anni, e la sorella maggiore Shweta, 22, stavano scattandosi un selfie su una roccia, quando la più giovane è ha perso l'equilibrio ed  è precipitata ai piedi della cascata, trascinando con sé anche la maggiore.

I soccorsi

Subito alcuni parenti sono intervenuti nel tentativo di salvarla. Il fratello 18enne, un cugino di 24 anni e la moglie 22enne si sono gettati in acqua, cercando di aggrapparsi alle rocce, ma subito sono andati in difficoltà. Altri due fratelli (22 e 26 anni) hanno a quel punto tentato di intervenire, facendo la stessa fine.

Nel frattempo era partita la chiamata ai soccorsi, ma l'intervento è riuscito a salvare soltanto la 22enne moglie del cugino delle due ragazze, che è stata portata in ospedale in condizioni gravissime.

I corpi di tre vittime sono stati recuperati quasi subito, mentre altri tre sono stati restituiti dall'acqua il giorno successivo.

Nella zona ci sono alcune aree off limits e transennate per motivi di sicurezza, oltre a cartelli che avvisano della pericolosità dell'area. Ciononostante le Autorità locali potrebbero decidere di aprire comunque un'inchiesta per fare maggiore luce sull'accaduto.

 Morti per un selfie: i precedenti

Come detto, non si tratta del primo caso. Sono numerosi coloro che, nell'epoca delle foto da condividere per prendere più like, rischiano grosso, e in alcuni casi pagano con la vita. Uno degli ultimi casi, di quest'estate, è quello del 22enne inglese Jack Fenton, che al ritorno da una gita in elicottero a Mykonos, in Grecia, non ha resistito alla tentazione di scattare una foto accanto all'elicottero. E' però uscito quando la pala era ancora in movimento ed è stato decapitato sotto gli occhi dei genitori.

Come Madalyn Davis, 21enne modella australiana morta precipitando da una bellissima scogliera a Diamond Bay. Voleva godersi l’alba con gli amici e  scattare qualche foto ma, nel tentativo di sedersi sul bordo, è precipitata  per oltre 30 metri

Stesso destino per una coppia polacca in vacanza in Portogallo. Per farsi una foto da una scogliera i due sono precipitati sotto gli occhi dei figli di 5 e 7 anni, morendo e lasciandoli orfani. 

In India, invece, un 15enne di Chiyyaram è stato investito da un treno mentre cercava di scattare una foto  col telefono: è scivolato sui binari ed è stato colpito dal convoglio in transito.

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter