Esteri
DA NON CREDERE

Sfrattato, trova una stanza inutilizzata in un centro commerciale: per quattro anni diventa il suo appartamento segreto

Insieme a un amico ha trasformato lo spazio in un vero appartamento di 750 piedi quadrati, aggiungendo un divano, un tavolo da pranzo e persino una PlayStation.

Sfrattato, trova una stanza inutilizzata in un centro commerciale: per quattro anni diventa il suo appartamento segreto
Esteri 12 Novembre 2022 ore 10:10

Un uomo ha vissuto per quattro anni in un appartamento segreto nel mezzo di un centro commerciale. E' questa l'incredibile storia di Michael Townsend, che un bel giorno s'è visto bussare alla "porta" dagli addetti alla sicurezza interna, che hanno interrotto il suo surreale idillio.

Sfrattato, trova una stanza inutilizzata in un centro commerciale

Nel 2007 Michael aveva 36 anni. Dopo essere stato sfrattato dal padrone di casa del suo vecchio appartamento, ha avuto un'illuminazione: s'è ricordato di una stanza vuota casualmente scoperta tempo addietro all'interno del centro commerciale Providence Place Mall, appunto a Providence, nello stato del Rhode Island, Stati Uniti.

Sembra incredibile, eppure Michael ha ritrovato la stessa stanza (un'area formatasi quasi per caso in seguito alla costruzione di altri spazi tutto intorno), sempre inutilizzata, e ha deciso di trasferirvisi con un suo amico. I due hanno trasformato lo spazio in un vero appartamento di 750 piedi quadrati, aggiungendo un divano, un tavolo da pranzo e persino una PlayStation.

Townsend, con anche altri amici, ha vissuto lì dentro per ben 4 anni: insieme hanno anche costruito un finto muro e una porta di servizio per tener nascosto l'appartamento. Townsend aveva in programma di installare anche pavimenti in legno, una seconda camera da letto e una cucina, ma una visita dei vigilantes del centro commerciale ha messo fine a tutto. Michael è stato è stato accusato di violazione di domicilio.

t1
Foto 1 di 3
shopping-mall-apartment
Foto 2 di 3
IMGP5819-728x546
Foto 3 di 3

C'è da dire che anche la "scusa" adottata dall'allora 40enne, messo alle strette, è stata altrettanto notevole rispetto alla sua "impresa".

"Durante il periodo natalizio del 2003 e del 2004, gli spot radiofonici del Providence Place Mall erano letti da una voce femminile entusiasta che parlava di quanto sarebbe bello se potessimo vivere al centro commerciale. Il tema centrale degli annunci era che il centro commerciale non solo offriva una ricca esperienza di acquisto, ma conteneva anche tutte le cose di cui uno avrebbe bisogno per sopravvivere e condurre una vita sana: insomma, l'intero sforzo è stato compiuto pper capire di più il centro commerciale e la vita da acquirente".

Seguici sui nostri canali