Esteri
immagini tremende

Migranti frustati alla frontiera Usa-Messico: video shock indigna il mondo

Oltre diecimila persone - provenienti principalmente da Haiti - sono ammassate a Del Bravo. La Casa Bianca in imbarazzo per la diffusione del video.

Esteri 21 Settembre 2021 ore 10:53

A poche ore dal debutto di Joe Biden all'assemblea generale dell'Onu, un caso clamoroso scuote gli Stati Uniti d'America. I media Usa hanno infatti diffuso un video che mostra gli agenti della Polizia di frontiera a cavallo mentre frustano i migranti che provano a entrare dal Messico.

Migranti frustati dalla Polizia al confine tra Usa e Messico

L'emergenza migranti al confine tra Usa e Messico è un tema che tiene banco da tempo. E che è ritornato di grande attualità con la crisi umanitaria generata dall'arrivo di oltre diecimila migranti radunati a Del Rio, in Texas, per chiedere asilo. Molti di loro sono haitiani, in fuga dall'isola   dopo i diversi  naturali che hanno colpito l’isola negli ultimi mesi e l’assassinio del presidente Jovenel Moïse. Dopo aver attraversato il fiume Rio Grande i migranti - provenienti anche da Cuba, Venezuela e Nicaragua - si sono raccolti in un improvvisato campo di accoglienza cresciuto a una velocità enorme, in precarie condizioni igienico-sanitarie e con temperature vicine ai 40 gradi.


Le immagini che indignano il mondo

Le immagini in poche ore hanno fatto il giro del mondo. Si vedono gli agenti che usano la frusta nei confronti di alcuni migranti.  Immagini "orribili da vedere", ha commentato la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki. 

"Ho visto alcune delle immagini, non ho il contesto completo ma non riesco a immaginare quale contesto lo renderebbe appropriato. Penso che nessun che abbia visto quelle immagini pensi sia accettabile o appropriato. La gente è comprensibilmente offesa dalla possibilità che le forze dell'ordine usino le fruste o oggetti simili contro i migranti"

Altri agenti al confine

Intanto l'Amministrazione Biden ha deciso di inviare altri agenti nel Sud del Texas e di incrementare il numero di voli per rimpatriare i migranti alla frontiera. "Non è questo il momento di venire negli Usa", ha aggiunto Psaki.

È intervenuto anche il segretario di Stato americano Antony Blinken, con un tweet:

“La migrazione illegale pone gravi rischi ai migranti e alle loro famiglie. Ho parlato con il premier di Haiti, Ariel Henry, sul rimpatrio dei migranti haitiani al confine e sulle difficoltà della migrazione irregolare".