Esteri
shock in messico

Bambina di 3 anni dichiarata morta si sveglia al suo funerale, ma muore poco dopo

La famiglia ora vuole giustizia e imputa ai medici il decesso della piccola Camila.

Bambina di 3 anni dichiarata morta si sveglia al suo funerale, ma muore poco dopo
Esteri 25 Agosto 2022 ore 14:56

Una vicenda terribile. Un incubo che probabilmente tormenta molti, e che purtroppo è raro ma non rarissimo. E questa volta il fatto colpisce ancora di più perché la protagonista è una bambina di soli tre anni. E' successo in Messico, dove la piccola Camila Roxana Martinez Mendoza è stata dichiarata morta per errore. La bimba però si è svegliata nel momento del suo funerale, ma è purtroppo deceduta poche ore più tardi. E la famiglia ora vuole giustizia.

Bambina di 3 anni dichiarata morta si sveglia al suo funerale

La vicenda mette i brividi. La piccola, in preda a forti dolori allo stomaco e a crisi di vomito era stata portata   al Salinas de Hidalgo Basic Community Hospital in Messico. Qui il pediatra, vedendola molto disidratata, ha suggerito di accompagnarla in Pronto soccorso, dove i medici l'hanno dimessa dandole del paracetamolo.

Ma le condizioni della piccola non sono migliorate, anzi. E così la mamma si è rivolta a un altro medico che ha cambiato farmaci da somministrare alla piccola. Ma anche in questo caso la situazione non è migliorata. La mamma, allora, si è rivolta a un terzo professionista, che ha suggerito di portare Camila in ospedale.

La bimba è arrivata in condizioni disperate in Pronto soccorso, disidratata a tal punto che i medici non riuscivano a trovare le vene per farle una flebo. E dopo diversi tentativi è stata dichiarata morta.

Lo shock al funerale

A quel punto la famiglia, distrutta dal dolore, ha iniziato a organizzare il funerale. Ma ancora non sapeva cosa sarebbe accaduto. Durante le esequie, infatti, la madre ha notato che i vetri contenitivi della bara si appannavano, segno evidente che la piccola nel feretro stava respirando.

A quel punto è scattata la scorsa disperata  in ambulanza all'ospedale di Salinas, dove i medici hanno tentato senza successo di rianimarla ed è stata dichiarata morta, nuovamente, questa volta per un edema cerebrale.

La famiglia vuole giustizia

La famiglia ora vuole giustizia e imputa alla negligenza dei medici l'accaduto. Il primo certificato di morte parlava di disidratazione come causa del decesso, mente nel secondo - quello definitivo - si nominano anche un edema cerebrale e un'insufficienza metabolica. Decisiva sarà l'autopsia che sarà svolta sul corpicino della piccola. L'autorità locale ha comunque aperto un'inchiesta sull'accaduto per capire se la piccola avrebbe potuto essere salvata.

 

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter