Economia
L'evento

Supersalone, l'Italia che riparte

Apertura in grande stile domenica 5 settembre.

Supersalone, l'Italia che riparte
Economia 05 Settembre 2021 ore 12:48

Si è aperta stamattina,  domenica 5 settembre 2021, l'edizione 2021 del Supersalone. Un evento attesissimo,  non solo nel settore, ma dall'interno Paese, e che dà un messaggio all'insegna della ripartenza.

LEGGI ANCHE: Supersalone, tutto quello che c'è da sapere

Supersalone 2021, si parte

C'era grande attesa stamattina a Rho fiera per l'apertura dell'evento, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Ad aprire la manifestazione l'immancabile Inno di Mameli, cantato da Marco Mengoni.

E che il Salone rappresenti un momento simbolico molto importante si è capito subito dalle parole del capo dello Stato:

"Questo è un appuntamento di particolare importanza, abitualmente. Un punto di riferimento mondiale per il settore, in cui il Paese è all'avanguardia. Questa occasione, che raccoglie coraggio di impresa, creatività e cultura, è di straordinario significato in questo momento, per il rilancio e la ripresa del Paese".

Presenti anche le autorità locali, dal governatore Attilio Fontana al sindaco di Milano Beppe Sala e al presidente del consiglio regionale Alessandro Fermi:

"432 espositori per questa edizione del Supersalone del Mobile: un momento di ripartenza per il settore del design e arredo - ha detto quest'ultimo - La presenza del Presidente Mattarella è la testimonianza dell’importanza del settore del legno e dell’arredamento per il nostro Paese: un messaggio di coraggio e fiducia per le tante aziende del distretto dell’alta Brianza e del Comasco".

2 foto Sfoglia la gallery

Padrona di casa Maria Porro, canturina presidente del Salone del Mobile da due mesi.

"Il Supersalone incarna il coraggio con cui il nostro settore sta affrontando il periodo in cui stiamo vivendo. Dimostra la volontà di un'intera filiale di impegnarsi nella transizione ecologica".

Poi si è rivolta direttamente a Mattarella:

"Signor presidente oggi con il supersalone confermiamo di voler portare a tutto il Paese un segnale di bellezza".

Emozionato  Claudio Feltrin, presidente di FederlegnoArredo:

“A voi tutti va il mio più sincero ringraziamento, perché la vostra presenza dimostra quanto questa giornata abbia assunto anche un significato simbolico che travalica i nostri confini naturali, quelli del design e del legno-arredo, orgoglio del Made in Italy nel mondo. Se siamo qui a inaugurare la più importante fiera internazionale del design, significa che tutti insieme abbiamo lavorato affinché questo “miracolo” della ripartenza si realizzasse. La presenza del presidente Mattarella  è la conferma della bontà della scelta fatta a fine aprile. Abbiamo avuto lecite incertezze, prima di confermare l’edizione di settembre. Ma alla fine il coraggio di accettare la sfida ha prevalso e nel momento più difficile abbiamo dimostrato di essere leader. Non solo per i buoni risultati in questo inizio d’anno, ma per la decisa volontà di esserci e difendere il primato assoluto del Salone del Mobile di Milano nel mondo anche se in una formula nuova e unica. Riaffermarlo oggi era un preciso dovere e dobbiamo essere orgogliosi di esserci riusciti”.

Sull'apertura del Supersalone è intervenuto anche il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli:

"I numeri dell'indotto potenziale del Supersalone del Mobile - circa 120 milioni - danno la misura del valore economico per il territorio di questo grande evento.  Ma ancora più importante è il suo valore simbolico. Il Supersalone dimostra con i fatti la capacità di Milano di ritrovare la via della crescita superando le difficoltà dell'emergenza sanitaria. Ed è un segnale che arriva anche a livello internazionale e rafforza l’immagine non solo della nostra città, ma del Paese, come conferma la presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella".

 

 

Alcune immagini dagli stand:

6 foto Sfoglia la gallery