Economia
fare il pieno è un salasso

Metano, altro che sconti: ha raggiunto addirittura 3,7 euro al chilo

Una situazione critica anche per gli stessi distributori: sono sempre più quelli vicini alla chiusura.

Metano, altro che sconti: ha raggiunto addirittura 3,7 euro al chilo
Economia 24 Marzo 2022 ore 10:42

La benzina è scesa più o meno ovunque su  livelli "accettabili" - almeno rispetto alle ultime settimane - ma lo stesso non si può dire del metano. Il combustibile continua in alcuni impianti ad avere prezzi folli, che raggiungono anche i 3,7 euro al chilo. 

Metano, che prezzi!

Gli effetti del decreto del 18 marzo con gli sconti sulla benzina si stanno vedendo, con i prezzi tornati ovunque sotto i due euro al litro sia per quanto riguarda la benzina sia per il diesel. Ma lo stesso non si può dire del metano, che sta continuano a volare a livelli assurdi.

Un innalzamento dei prezzi che si era già fatto sentire a ottobre, quando tutto d'un tratto uno dei carburanti più economici era diventato il più caro, passando nel giro di pochissimi giorni da meno di un euro a oltre due euro al chilo.

I motivi dietro alla stangata dello scorso autunno erano molteplici:

  • l’esaurimento delle scorte di gas metano dell’Unione europea
  • la maggior domanda di gas sul mercato
  • inizio dell’anno termico 
  • la presenza di pochi distributori di gas metano per auto  sul territorio

A questo si è aggiunta la guerra in Ucraina, che ha complicato ulteriormente le cose. Insomma, se fino a sei mesi fa possedere un'auto a metano poteva essere conveniente, oggi invece non lo è affatto.

E anche oggi i prezzi arrivano a livelli assurdi. Come si può vedere dall'Osservaprezzi carburanti (strumento del Mise che monitora in tempo reale l'andamento dei costi della benzina) ci sono località dove il metano arriva a 3,7 euro al chilo. Ma in generale i prezzi rimangono più alti rispetto alla benzina e al diesel.

LEGGI ANCHE: Perché in alcuni distributori i prezzi sono scesi più tardi rispetto ad altri

Distributori chiusi

Una situazione che mette in ginocchio anche gli stessi distributori. Federmetano denuncia infatti che su 1.529 impianti totali in Italia, 220 sono costretti a  erogare gas naturale a un prezzo di vendita al pubblico superiore ai 3 euro al chilo.

Molti di questi impianti sono stati costretti a chiudere, o sono prossimi alla fine dell’attività.
La situazione è talmente grave che 
un terzo della rete distributiva della Toscana è già chiusa. Stessa cosa per quello che riguarda le Marche, dove sono oltre 40 punti vendita non più operativi. Per non parlare della Sicilia: qui oltre 10 impianti si sono dovuti fermare e sono rimasti ormai solo uno o due punti vendita effettivamente funzionanti, perché quando gli impianti vendono il gas a tre euro e mezzo al chilo è come se fossero chiusi. Preoccupante anche il quadro della Campania.

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter