Attualità
è successo ancora

La Lucarelli scopre un'altra gelateria che aumenta il prezzo se paghi col bancomat

Dopo Sanremo, Selvaggia Lucarelli smaschera un'altra gelateria. E le giustificazioni del titolare sono incredibili...

La Lucarelli scopre un'altra gelateria che aumenta il prezzo se paghi col bancomat
Attualità 02 Agosto 2022 ore 18:01

Continua a far discutere l'obbligo (o meglio, le sanzioni per chi non ottempera) di avere a disposizione il Pos in tutti gli esercizi commerciali dal 30 giugno 2022. E dopo la gelateria di Sanremo  che applica una maggiorazione di 50 centesimi per chi paga con la carta, eccone un'altra di Treviso che fa una maggiorazione del 3%. A scoprire l'accaduto è ancora una volta Selvaggia Lucarelli, letteralmente scatenata sull'argomento.

Treviso, la gelateria che fa pagare di più se paghi col bancomat

Non è il primo caso, e molto probabilmente non sarà l'ultimo. Dopo aver polemizzato su una gelateria di Sanremo che applica una maggiorazione di 50 centesimi per chi paga col bancomat (con tanto di cartello ben affisso in vetrina), la giornalista e blogger Selvaggia Lucarelli ne ha scovata un'altra a Vittorio Veneto, Treviso.

Mostrando due scontrini effettuati lo stesso giorno, infatti, si vedeva chiara la differenza. Un cono e una granita pagati in contanti sono costati 5.60 euro; la stessa consumazione pagata con la carta 5,77.

A quel punto la Lucarelli ha  chiamato per chiedere spiegazioni, ricevendo risposte piuttosto surreali, pubblicate in un audio su Instagram.

L'AUDIO:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Selvaggia Lucarelli (@selvaggialucarelli)

La "difesa" del gelataio

Il gelataio, per spiegare l'aumento dei prezzi, ha prima parlato di un incremento dei costi delle materie prime:

"E' aumentato tutto, dalle palette alle coppette sino alla panna, e siccome gli aumenti sono mensili, non posso fare un listino prezzi fisso".

Quando la Lucarelli gli ha fatto notare che i due scontrini risalivano entrambi al 31 luglio, il gelataio ha iniziato ad arrampicarsi sugli specchi:

"E' uno sconto, un regalo che facciamo ai clienti che decidono di pagare in contanti. Il titolare può decidere di fare lo sconto a chi vuole: a chi ha i capelli biondi, a chi è alto un metro  e 70 o a chi paga in contanti".

Ma poi ha messo giù...

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter