Economia
contributi dallo stato

Ecobonus auto usate, dal 28 settembre via alle prenotazioni

Ci sono 40 milioni di euro a disposizione, ma il rischio è che non bastino e che si scateni una corsa all'incentivo.

Economia 26 Settembre 2021 ore 22:39

Dopo le auto nuove, scattano anche gli eco-incentivi per l'usato. A partire dalle 10 di martedì  28 settembre 2021 scatta l'ecobonus auto usate. A differenza di tutti gli altri bonus, però, questa volta i privati non dovranno fare praticamente nulla. Saranno infatti i concessionari ad accedere alla piattaforma internet ecobonus.mise.gov.it per inserire le prenotazioni degli incentivi per l’acquisto di veicoli usati di categoria M-1  a basse emissioni. Ma vediamo meglio come funziona l'incentivo.

Ecobonus auto usate, si parte dal 28 settembre

Per il nuovo incentivo il Governo ha messo a disposizione quaranta milioni di euro, per contributi (che possono arrivare fino a duemila euro) vincolati alla rottamazione.


In sostanza, potrò  acquistare un'auto usata di classe non inferiore all'euro 6 e del prezzo di mercato non superiore a 25mila euro. Ma per avere diritto al bonus dovrò rottamarne una della medesima classe, intestata da almeno un anno all'acquirente o a un familiare o convivente e immatricolata prima dell'1 gennaio 2021 (o anche dopo ma a patto che compia dieci anni entro il 31 dicembre 2021). Le emissioni del veicolo dovranno essere comprese tra o e 160 g/Km di CO2.

Il contributo si differenzia a seconda della fascia di emissioni del veicolo  che si acquista: per la fascia 0-60 sono 2 mila euro; per la 61-90 sono mille e per la fascia 91-160 750 euro.

Bisogna fare in fretta...

Si può accedere al beneficio, nel limite delle risorse disponibili e comunque entro il 31 dicembre 2021. Ma il rischio è che la cifra risulti bassa e dunque se avete già intenzione di cambiare auto è meglio affrettarsi.

Come detto, sarà poi il concessionario a riconoscere il contributo all’acquirente finale per poi recuperarlo come credito d’imposta, utilizzabile esclusivamente in compensazione presentando il modello F24 in modalità telematica.

Ma come facciamo a sapere qual è la classe di emissione a cui appartiene la nostra auto? Semplicissimo. Basta andare sul sito ilportaledellautomobilista.it e inserire i dati nell'apposita sezione. A quel punto sapremo che tipo di auto possiamo acquistare e quanto potremo risparmiare con l'incentivo.