Avete già fatto il 730?

Dichiarazione dei redditi: quando arrivano i rimborsi del 730

Dai due ai tre mesi di tempo per ricevere i rimborsi, ma occhio alle scadenze

Dichiarazione dei redditi: quando arrivano i rimborsi del 730
Pubblicato:

I più rapidi hanno già fatto il modello precompilato o semplificato oppure si sono già rivolti a Caf e professionisti e hanno già inviato la propria dichiarazione dei redditi. Altri stanno provvedendo proprio in questi giorni, ma non serve correre. A meno che non vogliate ricevere in fretta i rimborsi e i conguagli sul 730. Ma quando arrivano?

Quando arrivano i rimborsi del 730 per lavoratori e pensionati

Lavoratori e pensionati riceveranno con le stesse tempistiche i rimborsi del 730. La prima scadenza era quella del 31 maggio: se avete compilato la dichiarazione dei redditi entro quella data il rimborso sarà erogato con la busta paga di luglio. Entro il 15 giugno, infatti, coloro a cui avete affidato il 730 (Caf o professionista che sia) comunicherà all'Agenzia delle Entrate le risultanze della dichiarazione, affinché si possa provvedere all'erogazione dei contributi a luglio.

Se invece presenterete la dichiarazione entro il 20 giugno la comunicazione all'Agenzia delle Entrate avverrà entro la fine del mese, mentre per quelle inviate entro il 15 luglio la data sarà il 23 luglio. Per i modelli inviati entro il 31 agosto la comunicazione avverrà a metà settembre mentre per gli ultimi (entro il 30 settembre) la comunicazione avverrà alla fine del mese, con pagamento a novembre.

Tendenzialmente, dunque, bisognerà aspettare dai due ai tre mesi per ricevere i rimborsi.

Leggi qui quali sono le spese detraibili nel 730 per la famiglia.

Occhio al sostituto d'imposta: c'è anche il "fai da te"

Una novità - non di poco conto - è che per il 2024 c'è la possibilità di ricevere direttamente il rimborso, senza sostituto d'imposta. Negli anni scorsi, infatti, in molti hanno segnalato problemi per esplicito rifiuto del datore di lavoro, incapienza o errore nella comunicazione dei dati. E così da quest'anno anche i lavoratori dipendenti possono scegliere di ricevere direttamente il rimborso fornendo il proprio Iban all'Agenzia delle Entrate. La differenza sta nel fatto che in questo caso i soldi arriveranno a dicembre.

In caso di 730 a debito, dalla compilazione scaturisce la stampa del/dei modelli F24 con cui saldare quanto dovuto.

C'è poi un'altra data a cui fare attenzione: venerdì 25 ottobre 2024.  Entro quel giorno - nel caso vi siate accorti di errori commessi nella compilazione o nell'invio - potrete presentare a un Caf o a un professionista abilitato il modello integrativo.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali