Economia
manca poco alla scadenza

Assegno unico: cosa fare per non perdere gli arretrati. Bisogna fare in fretta, il tempo sta scadendo

Tempo sino al 30 giugno 2022, altrimenti i soldi saranno persi.

Assegno unico: cosa fare per non perdere gli arretrati. Bisogna fare in fretta, il tempo sta scadendo
Economia 11 Giugno 2022 ore 22:31

C'è ancora poco, pochissimo tempo, poi gli arretrati dell'assegno unico universale andranno a farsi benedire. Per i ritardatari che ancora non hanno presentato la domanda, infatti, c'è tempo soltanto fino al 30 giugno 2022 per correre ai ripari. Se  andranno oltre questo termine, infatti, potranno comunque ricevere il contributo ma dovranno dire addio agli arretrati.

Assegno unico: cosa fare per non perdere gli arretrati

La prima scadenza era fissata a fine febbraio. Chi ha fatto domanda nei primi due mesi dell'anno ha iniziato a usufruire del contributo già da marzo. Per tutti gli altri la finestra per le richieste è comunque rimasta aperta anche nei mesi seguenti. E chi presenta domanda sino al 30 giugno ha avuto o avrà diritto a ricevere anche gli arretrati dei mesi passati. Ma se farete richiesta dall'1 luglio in poi quei soldi saranno persi. Ecco perché occorre davvero sbrigarsi.

QUI TUTTI I CHIARIMENTI DELL'INPS SULL'ASSEGNO UNICO UNIVERSALE PER I FIGLI

Come fare domanda

Come detto, dunque, c'è ancora tempo per fare domanda. E' anche possibile inoltrarla senza avere ancora fatto l'Isee, caricandolo in un secondo momento sulla piattaforma online. Per accedere è necessario entrare sul sito   internet www.inps.it (con accesso diretto  tramite Spid, Carta di Identità Elettronica 3.0 o Carta Nazionale dei Servizi). La procedura è piuttosto rapida e occupa pochi minuti.

A disposizione degli utenti c'è anche il numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o  06 164.164 (da  mobile, con la tariffa applicata dal gestore telefonico).

Per chi ha bisogno di un supporto è possibile rivolgersi anche ai patronati o alle sedi Inps.

Perché è importante l'Isee

Ma perché è importante l'Isee? Se farete domanda senza allegarlo avrete diritto all'assegno minimo, 50 euro al mese. Invece allegando l'Indicatore della situazione economica equivalente potrete ricevere sino a 175 euro per figlio, cui si possono sommare anche alcune maggiorazioni. Insomma, l'Isee conviene, anche se c'è già chi vuole modificarne la struttura.

LEGGI ANCHE: Isee e assegno unico, cosa potrebbe cambiare

 

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter