Da Vr Sicilia

"Ti lascio, adesso sto con lui", e il pranzo della domenica finisce malissimo

E' successo a Paternò. Il fidanzato appena mollato ha inseguito gli altri due con una pietra fino alla caserma dei carabinieri

"Ti lascio, adesso sto con lui", e il pranzo della domenica finisce malissimo
Pubblicato:

Scegliere bene il momento per dare una brutta notizia è a volte fondamentale. Lo dimostra quanto successo domenica 2 giugno 2024 a Paternò (Catania) dove durante un pranzo domenicale una giovane di 19 anni ha annunciato al fidanzato 36enne l'intenzione di lasciarlo e, allo stesso tempo, di avere un nuovo compagno, un 27enne seduto alla stessa tavolata. E la storia è finita malissimo.

"Ti lascio, adesso sto con lui", e il pranzo della domenica finisce malissimo

Come racconta la nostra tv di zona, Vr Sicilia Netweek, una giovane 19 anni ha annunciato la fine della relazione con il suo fidanzato di 36 anni, in presenza di altri commensali, rivelando anche una nuova relazione con un 27enne presente alla tavolata.

La notizia non è stata presa per nulla bene dal 36enne, che ha dato in escandescenze, iniziando a insultare pesantemente i due fidanzatini, tanto da costringerli alla fuga.

Inseguiti brandendo una pietra

I due ragazzi, dunque, sono scappati a piedi per le vie di Paternò, inseguiti dal 36enne che brandiva una pietra e urlava frasi minacciose. A un certo punto i fuggitivi sono riusciti a raggiungere la caserma dei Carabinieri, dove hanno trovato rifugio. Nemmeno questo ha fermato la furia del fidanzato appena mollato, che ha iniziato a picchiare con il sasso contro il cancello chiedendo ai due di uscire fuori.

Una situazione tesissima, che ha portato i militari a fare ulteriori verifiche, che hanno permesso di scoprire che era già stato oggetto di un provvedimento di ammonimento del questore. E così è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e minaccia aggravata.

Per lui sono scattati il divieto di avvicinamento alla vittima e ai suoi congiunti, oltre al divieto tassativo di comunicare con loro.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali