Cronaca
Incredibile truffa

"Sono Keanu Reeves, ti mando un regalo": e si fa dare 20.000 euro

La vittima è un sessantenne di Siena, che credeva di essere realmente entrato in contatto con l'attore canadese.

"Sono Keanu Reeves, ti mando un regalo": e si fa dare 20.000 euro
Cronaca 15 Settembre 2022 ore 17:01

"Pronto? Sono Keanu Reeves e ti devo mandare un pacco". Probabilmente non è andata esattamente così, ma l'attore hollywoodiano è finito - a sua insaputa - al centro di una truffa perpetrata nei confronti di un  sessantenne di Siena, che si è fatto portare via ventimila euro. Il tutto per sbloccare un regalo che la star gli avrebbe mandato. Una vicenda improbabile, ma evidentemente chi si spacciava per l'attore è stato piuttosto convincente, tanto appunto da riuscire a raggirare la vittima.

Si spaccia per Keanu Reeves e truffa un sessantenne

La vicenda risale a qualche mese fa, ma emerge solo ora che il protagonista ha voluto raccontarla per mettere in guardia chiunque potrebbe cadere in una truffa simile.

La storia nasce a seguito di uno scambio di messaggi in chat, che hanno convinto il sessantenne di essere entrato davvero in contatto con l'attore canadese (che è sicuramente un personaggio fuori dagli schemi, poco snob e vicino al proprio pubblico, ma da qui a chattare con uno qualunque dei fans  ce ne passa...).

Il regalo

Dopo un po' di tempo che i due si scrivono, il sedicente Reeves dice al senese di volergli inviare un regalo e insiste tanto da scalfire l'iniziale reticenza della vittima. A quel punto la truffa entra nel vivo: il sessantenne riceve un link da un'azienda di spedizioni, come quelli che siamo abituati a vedere quando facciamo acquisti online. Purtroppo per lui, ormai convinto di ciò che sta facendo, non si ferma neppure quando gli viene chiesto un bonifico di mille euro per le spese doganali. 

Ma poi arrivano altre richieste: mille euro per sbloccare la consegna, poi altri 800, poi altri tremila. E via dicendo, sino ad arrivare a quasi 20.000 euro in un mese.

C'era pure un avvocato (finto)

Qualche sospetto, però, l'uomo deve averlo avuto, tanto che a un certo punto nella questione subentra anche un (presunto) avvocato. Attraverso una mail lo rassicura sul fatto che avrebbe messo a posto tutto lui, sbloccando l'invio del pacco. Ma una volta ricevuto il denaro, è sparito. Come Reeves.

La denuncia

A quel punto al malcapitato non è rimasto altro da fare che rivolgersi alle forze dell'ordine e sporgere denuncia. L'uomo si è anche rivolto a Federconsumatori. Le indagini sono in corso, ma appare piuttosto difficile riuscire a risalire al denaro, dato che non si sa a chi sia stato effettivamente mandato.

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter