Cronaca
PROTESTA CONTRO L'ENI

Sanremo 2022: blitz di Greenpeace davanti all'Ariston prima del Festival

Almeno sei attivisti sono entrati in azione a sorpresa poco prima del collegamento col PrimaFestival condotto da Roberta Capua.

Cronaca 03 Febbraio 2022 ore 22:00

Scatta la protesta a sorpresa a Sanremo 2022.

"Pubblicità di azienda inquinante", "Eni inquina anche la musica".

Questi alcuni degli slogan sulle bandiere gialle di Greenpeace sventolati questa sera, giovedì 3 febbraio 2022, davanti al Teatro Ariston.

Poco prima dell'inizio della terza serata del Festival della canzone italiana, almeno sei attivisti della Ong ambientalista e pacifista, sono entrati in azione a sorpresa nella zona blindata davanti all'Ariston.

Blitz di Greenpeace a Sanremo 2022

A pochi minuti dal collegamento con il PrimaFestival condotto da Roberta Capua in diretta dalla Glass Box Rai situata in via Mameli, davanti all'ingresso dell'Ariston, la protesta è scattata in simultanea.

Evidentemente i manifestanti si erano mescolati fra il pubblico appoggiato alle transenne di sicurezza: a un tratto hanno scavalcato e sono entrati nella zona riservata, fra operatori tv, telecamere e anche fra spettatori che, dopo aver superato i controlli, stavano per entrare in teatro per assistere al Festival e si stavano concedendo qualche selfie celebrativo.

Gli attivisti portati via di peso

Hanno mostrato bandiere con diversi slogan, le stesse che sono comparse anche sul balconcino al primo piano del palazzo all'angolo fra via Matteotti e via Mameli.

Attoniti anche i co-conduttori del festival, il comico Ciro e la conduttrice radiofonica Paola Di Benedetto, che si sono trovati a un passo dalla protesta.

Gli attivisti sono stati immediatamente bloccati dalle Forze dell'ordine. Hanno opposto resistenza passiva e sono stati portati letteralmente di peso fuori dalla zona blindata, oltre le transenne. E così sono rimasti: immobili, sdraiati sul marciapiede, probabilmente in attesa di essere identificati.

Le ragioni della protesta

Una protesta evidentemente indirizzata contro la multinazionale tricolore Eni e contro l'organizzazione del Festival, che avrebbe accolto fra gli sponsor "Plenitude", nuovo marchio legato a Eni.

Greenpeace contesta non le politiche economiche legate a combustibili fossili che influiscono sul global warming, ma anche il cosiddetto "greenwashing": secondo gli ambientalisti, le multinazionali del settore energetico lancerebbero, infatti, campagne di comunicazione "green" solo di facciata.

daniele.pirola@netweek.it

Il tratto di via Matteotti fra l'Ariston e piazza Colombo

LEGGILa classifica provvisoria e le pagelle dopo la seconda serata di Sanremo 2022

LEGGILa classifica provvisoria e le nostre pagelle dopo la prima serata di Sanremo 2022

LEGGISanremo 2022: tutte le cover e i duetti della quarta serata, ci sono Grignani e Capossela

LEGGISanremo 2022: tutti i video della sfilata dei big sul green carpet

LEGGISanremo 2022: cosa succede fuori dal teatro Ariston LA MAPPA

SANREMO 2022: clicca sull'immagine e vai agli articoli
Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter