Giallo ad Avellino

Prof scompare nel nulla, ritrovata morta nella cappella di famiglia al cimitero

Sandra Capossela, 72 anni, era scomparsa martedì 28 maggio. Le ricerche hanno portato alla tragica scoperta

Prof scompare nel nulla, ritrovata morta nella cappella di famiglia al cimitero
Pubblicato:

Un giallo dai contorni macabri. Sandra Capossela, 72 anni, ex insegnante di educazione fisica, scomparsa da martedì 28 maggio 2024, è stata ritrovata morta al cimitero, nella cappella di famiglia. Succede ad Avellino, dove sono in corso le indagini per scoprire cosa sia successo alla donna.

Sandra Capossela, ritrovata morta al cimitero

La donna, 72 anni, insegnante in pensione, divorziata ed ex moglie di Nunzio Cignarella (ex assessore alla Cultura di Avellino), era stata vista per l'ultima volta nella serata di martedì 28 maggio 2024. Poi, però, non aveva fatto ritorno a casa e così i familiari avevano dato l'allarme.

Il ritrovamento del corpo

Le ricerche sono proseguite per tutta la giornata di mercoledì 29 maggio 2024, fino a quando Capossela è stata ritrovata priva di vita all'interno della cappella di famiglia al cimitero di Avellino.

L'ex professoressa è stata ritrovata con al collo la fascia che solitamente portava tra i capelli dagli agenti della Polizia Locale, che hanno subito allertato i Carabinieri (che da qualche ora avevano raccolto la segnalazione della scomparsa).

Sarà compito ora della Procura valutare l'eventualità di svolgere l'autopsia per chiarire le cause della morte. Al momento non si esclude nessuna pista, dal malore all'omicidio, passando per il gesto estremo.

Chi era Sandra Capossela

Sandra Capossela era un volto noto ad Avellino. Per molti anni aveva insegnato educazione fisica a scuola, ed era l'ex moglie dell'ex assessore Nunzio Cignarella, con il quale aveva avuto due figli. La sorella Mirella è attualmente candidata al Consiglio comunale per le elezioni dell'8 e 9 giugno 2024.

Sentiti dalle forze dell'ordine alcuni vicini di casa hanno riferito di averla vista serena nei giorni precedenti la disgrazia.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali