Furto curioso

Rubato il carro funebre fuori dalla casa del defunto prima del funerale

E' successo a Pozzuoli: il mezzo è stato ritrovato danneggiato poche ore dopo. Forse un dispetto alla base dell'incredibile evento

Rubato il carro funebre fuori dalla casa del defunto prima del funerale
Pubblicato:
Aggiornato:

Sono arrivati con il carro funebre davanti alla casa del defunto e sono entrati per caricare la salma e dirigersi al funerale. Ma quando sono usciti il mezzo non c'era più. Sono bastati pochi minuti per mettere a segno un furto davvero incredibile a Monterusciello, frazione di Pozzuoli (Napoli). Un atto che sa tanto di dispetto nei confronti dell'agenzia di pompe funebri.

Pozzuoli, rubato il carro funebre

Una scena da film comico grottesco, quella verificatasi nel pomeriggio di martedì 25 giugno 2024. Ci sono gli impresari delle pompe funebri che arrivano con il carro, una Maserati, fuori da casa del defunto, del quale da lì a poco deve essere celebrato il funerale. Entrano nell'abitazione pochi minuti, giusto il tempo per espletare le ultime pratiche e caricare la salma, ma quando escono... la macchina non c'è più.

Secondo le prime informazioni raccolte, i ladri sarebbero stati due: nel giro di pochi istanti uno è riuscito ad avviare il mezzo e a farlo partire, mentre il complice lo ha scortato su un'altra vettura.

Il funerale si è comunque tenuto: l'agenzia ha subito provveduto a far arrivare un nuovo mezzo per il trasporto del defunto.

Ritrovato poche ore dopo danneggiato

Immediatamente è scattata la chiamata al 112. Le ricerche sono durate un paio d'ore. Poco più tardi, infatti, il mezzo è stato ritrovato dai Carabinieri in via Trepiccioni, poco distante dal luogo del furto.

A far pensare a un atto contro l'agenzia di pompe funebri il fatto che la carrozzeria fosse danneggiata e i vetri del lunotto posteriore infranti.

Le indagini sono in corso per risalire all'identità dei ladri.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali