DA PRIMA VENEZIA

Rubando portafogli ha accumulato un patrimonio da 200mila euro: confiscati

Alla borseggiatrice, sconosciuta al Fisco, contestati "almeno" 17 colpi

Rubando portafogli ha accumulato un patrimonio da 200mila euro: confiscati
Pubblicato:
Aggiornato:

Professione? Borseggiatrice. E' ritenuta responsabile di almeno 17 furti: abile, scaltra, giovane e completamente sconosciuta al Fisco, le sono stati confiscati beni per circa 200mila euro (in copertina un'immagine creata con l'aiuto dell'intelligenza artificiale).

Borseggiatrice e ladra seriale, dal 2017 ha commesso 17 furti nel veneziano

Mercoledì 22 maggio, la Divisione Polizia Anticrimine della Questura di Venezia ha eseguito un provvedimento del Tribunale applicando a una giovane donna la sorveglianza speciale per un anno e sei mesi e sequestrando un terreno e un fabbricato. Questo risultato innovativo, prima applicazione congiunta di sorveglianza speciale e sequestro di beni contro una borseggiatrice, conferma l'efficacia della strategia di contrasto della Polizia di Stato.

L'indagine patrimoniale ha rivelato che le risorse economiche utilizzate per acquistare i beni provenivano da una lunga serie di reati contro il patrimonio, iniziati nel 2017.

Come racconta Prima Venezia, la donna è accusata di almeno 17 furti con destrezza, borseggi e furti in negozi, con minacce ai testimoni per evitare che parlassero.

Le transazioni finanziarie illecite, stimate in circa 200mila, sono state tracciate, portando alla richiesta di sequestro. Su proposta del Questore, il Tribunale ha disposto la sorveglianza speciale, richiedendo alla sorvegliata di non frequentare pregiudicati, di cercare un'occupazione stabile e di rispettare gli orari di permanenza in casa.

Il videoservizio di Tv7, televisione del nostro gruppo editoriale Netweek:

Commenti
Beppe

Aggiungerei anche il taglio delle mani.

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali