Cronaca
Il video dell'aggressione

Ruba la merce ad un venditore ambulante e lo prende a schiaffi

Una scena, avvenuta in pieno centro città a Cosenza, ripresa tra le risa dei passanti e pubblicata subito sui social.

Cronaca 22 Agosto 2022 ore 12:01

Lo aveva colto sul fatto mentre gli rubava della merce dalla sua bancarella e per questo motivo lo aveva inseguito per farsela ridare. Messo alle strette dal venditore ambulante, tuttavia, il malvivente si è fatto sempre più aggressivo, tirando uno schiaffo al venditore ambulante, di origini straniere, facendolo così finire a terra. Tutta la scena violenta è stata filmata con il cellulare, tra le risa dei passanti, e pubblicata subito sui social diventando virale. Il caso, tuttavia, ha generato un'ondata di indignazione pubblica sia per l'aggressione in sé, sia per le possibili sfumature a sfondo razzista della vicenda.

Venditore ambulante derubato e aggredito

Un'aggressione avvenuta in pieno centro, di fronte agli occhi attoniti dei passanti. Ha generato particolare rabbia e sdegno la vicenda avvenuta in corso Mazzini a Cosenza (Calabria), nel corso della mattinata di venerdì 19 agosto 2022, quando un venditore ambulante di origini straniere è stato brutalmente schiaffeggiato da un uomo che poco prima pare lo avesse derubato di qualche merce esposta sulla sua bancarella.

Nelle filmato, diventato virale sul Web, si vede il venditore rincorrere il presunto furfante perché appunto colto con le mani nel sacco mentre gli sgraffignava un paio di cuffiette. L'ambulante, in tal senso, afferma: "Che ca**o fai… che ca**o fai…?! Non rubare, dammi gli auricolari". L'uomo, a quel punto, si gira e i due si ritrovano faccia a faccia, con quest'ultimo che gli risponde severo: "Che stai facendo? Che stai facendo?". Dopodiché gli rifila un ceffone dritto sulla guancia sinistra, facendo finire a terra il venditore ambulante. Il filmato, poi, si interrompe qui.

Il video dell'aggressione

Le forze di polizia, dopo quanto accaduto e dopo aver passato al vaglio il video dell'aggressione, stanno ora indagando per fare chiarezza. Come spesso accade in questi casi, tuttavia, il filmato dello schiaffo subito dal venditore ambulante è stato pubblicato sui social diventando virale in pochissimo tempo. Come si può vedere dalle immagini di seguito, mascherate perché il colpo subito dal venditore sul viso è stato particolarmente forte, l'aggressione si è verificata in pieno giorno mentre tutt'attorno stavano transitando alcuni passanti, alcuni rimasti attoniti, altri invece che ridevano di quanto accaduto. Consigliamo cautela nella visione.

IL VIDEO:

Il sindaco di Cosenza: "Episodio da condannare"

Sull'aggressione di corso Mazzini a Cosenza, si è espresso dopo poco il sindaco Franz Caruso:

"L’episodio di violenza che si è registrato questo pomeriggio nella centralissima Corso Mazzini, il cui video sta girando sulla rete e su alcuni organi di informazione online è da condannare senza se e senza ma. Attendiamo, comunque, di conoscere l’esatta dinamica dell’accaduto dalle indagini delle forze dell’ordine che, sono certo, scaturiranno dalla vicenda che desta, comunque, indignazione in tutta la cittadinanza. In ciò ribadendo che Cosenza è una città aperta, inclusiva e solidale e non tollera alcuna forma di violenza e prevaricazione, tanto più se mossa da atteggiamenti discriminatori e razzisti".

L'aggressore si difende sui social

Poche ore dopo, il giovane aggressore, di nome Emanuele, si è giustificato sui social con un video messaggio:

"Quello che ho fatto è stata una legittima difesa. Sono pronto a chiedere scusa, ma scusa di cosa? Sono stato aggredito, sono io la vittima, non lui. Da vittima sono diventato aggressore, solo perché ho le palle e gli ho dato uno schiaffo".

Poi, un messaggio al sindaco, che l'ha definito "razzista":

"Lo sai chi sono, se hai le palle vienimi a prendere, così vediamo chi è razzista. A me a Cosenza mi vogliono bene tutti, che siano bianchi, neri, rossi o gialli. Fosse stato tuo figlio l'avresti chiamato razzista?".

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter