Da Prima Milano

Difende una ragazza dal fidanzato violento. Lui se ne va, poi torna con tre amici e lo massacrano

Il giovane, un 25enne, era riuscito ad allontanare il fidanzato violento, che era però tornato con tre amici, che lo hanno aggredito facendolo finire in ospedale

Pubblicato:
Aggiornato:

Prima ha picchiato la fidanza e poi, quando un ragazzo si è messo in mezzo per provare a difenderla, insieme agli amici lo ha aggredito. I fatti risalgono allo scorso 19 novembre 2023, ma le indagini si sono chiuse proprio in questi giorni.

Picchia la fidanzata e poi con gli amici aggredisce chi ha provato a difenderla

Come racconta il nostro portale Prima Milano, la Procura meneghina ha eseguito due ordinanze di custodia cautelare, in carcere e di permanenza in casa, per quattro romeni di 17, 19, 22 e 24 anni ritenuti responsabili di lesioni gravi ai danni di un milanese di 25 anni lo scorso 19 novembre, in via Rismondo, nel quartiere Lorenteggio.

Guarda il video dell'aggressione:

L'aggressione

La vittima aveva visto un ragazzo, risultato poi essere un diciassettenne di origini rumene, colpire al volto la fidanzata, per cui aveva deciso di intervenire prendendo le difese della ragazza. In un primo momento il suo intervento era sembrato risolutivo, tant'è che il minorenne si era allontanato.

Pochi minuti dopo, però, era tornato in compagnia di altri tre ragazzi maggiorenni, tutti suoi connazionali di cui due nati a Milano, insieme ai quali ha aggredito il 25enne, colpendolo con calci e pugni al viso e al corpo, dopo averlo scaraventato al suolo.

Diversi i traumi riportati

La vittima era stata poi trasportata al Pronto Soccorso dell’Ospedale San Carlo e gli furono diagnosticati plurimi traumi alle costole, al viso e al setto nasale, la frattura di tre denti dell’arcata superiore, con una prognosi di 30 giorni.

La Squadra Mobile, anche grazie ai filmati delle telecamere della zona e alle testimonianze, è riuscita a risalire al gruppo di aggressori.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali