Cronaca
Tragico incidente

Nebbia fittissima: nella notte quattro amici finiscono con l'auto nel fiume a Piacenza

Erano appassionati di musica trap e spesso si fermavano lungo l'argine a cantare sino a tarda notte.

Nebbia fittissima: nella notte quattro amici finiscono con l'auto nel fiume a Piacenza
Cronaca 12 Gennaio 2022 ore 10:20

Quattro amici, quattro vite spezzate in un fatale incidente. Ieri, martedì 11 gennaio 2022, un'auto è stata ritrovata da un passante nelle acque del fiume Trebbia a Calendasco, in provincia di Piacenza. All'interno dell'abitacolo sono stati ritrovati i corpi ormai senza vita di quattro ragazzi, rimasti intrappolati mentre l'acqua si impadroniva del veicolo.

Tragico incidente, quattro giovani vite spezzate


Dei quattro giovani rimasti uccisi nell'incidente non si avevano più notizie dalla sera precedente, quando erano usciti per festeggiare un compleanno tra amici, dal quale stavano tornando.

Costantino Merli, 22 anni di Guardamiglio (nella vicina provincia di Lodi), guidava la sua Golf: a bordo c'erano la sua fidanzata 20enne Elisa Bricchi di Calendasco, e i due amici Domenico Di Canio, 21 anni di Borgonovo e William Pagani, 23 anni di Castelsangiovanni.

Costantino Merli, 22 anni di Guardamiglio

Costantino Merli, che guidava, ha imboccato una stradina che costeggia una zona campestre che porta proprio all'argine del fiume e, forse a causa della nebbia fittissima, non si è accorto che la strada si stava concludendo proprio a ridosso dell'acqua non riuscendo così a fermare in tempo la vettura che si è ribaltata nel canale restando ruote all'aria. I quattro giovani sono rimasti incastrati nell'abitacolo, nel disperato ma purtroppo vano tentativo di uscire e liberarsi.

Elisa Bricchi, 20 anni, di Calendasco

Auto trovata da un passante

A ritrovare l'auto, attorno alle 11.30 della mattinata successiva, pare sia stato un pescatore di passaggio che ha immediatamente dato l'allarme allertando carabinieri e 118 che, giunti subito sul posto, non hanno potuto fare nulla per salvare i quattro giovani.

I Carabinieri del Nucleo investigativo di Piacenza hanno effettuato tutti i rilievi del caso e dato via alle indagini per ricostruire l'esatta dinamica di quello che sembra essere un fatale e terribile incidente. Verso le 12.30 sul luogo del ritrovamento sono giunti anche il capo della procura di Piacenza Grazia Pradella e il sostituto Ornella Chicca assieme al sindaco di Calendasco Filippo Zangrandi.

William Pagani, 23 anni, di Castelsangiovanni

Costantino, il giovane lodigiano che nel pieno della pandemia si mise al servizio degli altri

Costantino Merli è tra i quattro ragazzi deceduti in questo terribile incidente che colpisce anche il lodigiano: aveva 22 anni, viveva a Guardamiglio e dal luglio 2020 era diventato volontario della Protezione Civile seguendo le orme del padre Francesco, presidente delle tute gialle del paese.

Era un ragazzo per bene, con la testa sulle spalle, disponibile e coscienzioso: proprio per questo a pochi mesi dall'inizio della pandemia si era messo a disposizione della collettività diventando volontario della Protezione civile, pronto a entrare in azione appena ce ne fosse stato bisogno.

Domenico Di Canio, 21 anni, di Borgonovo

Chi erano le vittime

Spesso si fermavano lungo l'argine a cantare sino a tarda notte. Quattro anime libere, con tanti sogni e grandi aspirazioni: amavano la musica e volevano sfondare nel mondo della trap. Costantino ed Elisa stavano vivendo un'appassionata storia d'amore, mentre il 22enne assieme agli amici Domenico e William aveva creato un progetto musicale che speravano potesse portarli lontano.

Questo uno dei video pubblicato su Instagram dei due giovani artisti, aiutati dall'amico e produttore William Pagani:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Milions (@milions__)

Sui social l'incredulità per le loro scomparse è ancora tanta: "Come farò ora senza di te? Ti prometto che porteremo avanti tutto quello in cui credevi" è la promessa di qualche amico.

Il commosso saluto di Foroni

Anche l'assessore regionale Pietro Foroni ha voluto lasciare un messaggio di solidarietà per questa terribile scomparsa:

Una grandissima solidarietà e un immenso abbraccio, alla famiglia del giovane volontario del gruppo comunale di Protezione civile di Guardamiglio, scomparso improvvisamente a seguito di un tragico incidente. Un pensiero particolare al padre, valente volontario di PC. Omaggio a un ragazzo che ha deciso di avvicinarsi al fantastico mondo del volontariato, risorsa preziosa e indispensabile per la nostra comunità