da prima lodi

Muore a 18 anni schiacciato da una macchina agricola: tragedia nel Lodigiano

Con lui il collega 20enne che ha assistito al crudo scenario e ne è rimasto sconvolto

Muore a 18 anni schiacciato da una macchina agricola: tragedia nel Lodigiano
Pubblicato:
Aggiornato:

Ancora incidenti sul lavoro in Italia, purtroppo anche mortali. Mattinata finita in tragedia per un giovane 18enne che, poco prima delle ore 10 del 20 giugno 2024, ha perso la vita rimanendo schiacciato da una seminatrice agricola mentre svolgeva l'attività lavorativa nell'azienda agricola Bassanetti Euresio-ditta individuale di Brembio, in via Cavour, provincia di Lodi.

Tragedia a Brembio

Il giovane 18enne ha perso la vita poche ore faerano le 9.42 quando la vittima si trovava nei pressi del comune Brembio per svolgere alcuni lavori di manutenzione. Si chiamava Pierpaolo Bodini, detto affettuosamente Bodo dai suoi amici e da tutti quelli che lo conoscevano bene, aveva iniziato a lavorare da un anno alla cascina Bassanetti.

Pierpaolo è il primo a sinistra:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Pierpaolo Bodini (@__b0do__)

Con lui il collega 20enne che ha assistito al crudo scenario e ne è rimasto sconvolto.

L'azienda agricola teatro dell'incidente

Come racconta Prima Lodi, i due si trovavano in via Cavour 34, il giovane stava eseguendo la manutenzione di una seminatrice agricola agganciata ad un trattore (fermo) quando è rimasto improvvisamente schiacciato dall'ala destra del macchinario, morendo sul colpo.

Intervento dei soccorsi

La disperazione dopo la tragedia

Sul posto sono giunti tempestivamente i soccorsi, ma per il 18enne non c'è stato nulla da fare. I medici, hanno potuto solo constatare l'ora del decessoLa tragedia è avvenuta il primo giorno di semina dopo mesi di pioggia nell’azienda che era stata di proprietà del nonno del 18enne.

Pierpaolo, che aveva lasciato l'Istituto Agrario Tosi di Codogno al quarto anno per intraprendere la carriera lavorativa come apprendista nell'azienda agricola nonostante il preside avesse cercato di fargli capire l’importanza del diploma, era stato incaricato di riavviare la seminatrice che era rimasta ferma dall'autunno.

Nonostante la sua giovane età, era già profondamente legato al lavoro nei campi, una passione che coltivava da sempre con dedizione e impegno. Sul luogo dell'incidente erano presenti anche un amico e collega di 20 anni che è stato ricoverato in stato di shock all'ospedale di Codogno.

La madre: "Quel mestiere era la sua vita"

Bodo viveva a Brembio con i genitori. Entrambi lavorano nell'ambito della panificazione, il papà è impiegato in fabbrica e la madre lavora come negoziante in paese. Lascia anche una sorella di 20 anni, Giulia. Fuori dal cancello dell'azienda, la mamma ha sfogato il suo dolore ai giornalisti del Tg1.

"È morto un ragazzo che faceva la sua vita, che era contento di fare quello che voleva. Quello che amava di più. Quel mestiere era davvero la sua passione, quello che desiderava."

La disperazione della madre in un frame tratto dal Tg1

Sul posto, dopo l'accaduto sono intervenuti anche i Carabinieri del Comando Compagnia di Codogno e il personale dell'Agenzia di tutela della salute di Lodi.  Il procuratore Maurizio Romanelli ha disposto il sequestro della seminatrice per effettuare perizie approfondite sul perno del macchinario. I Carabinieri della compagnia di Codogno e gli esperti dell’Ats stanno invece collaborando per verificare il rispetto delle norme di sicurezza. Uno degli aspetti cruciali delle indagini riguarda le competenze di Pierpaolo Bodini, il giovane, infatti, era stato assunto come apprendista e non come manutentore.

Le esequie si terranno domani, sabato 22 giugno, alle 14.30 nella chiesa parrocchiale di San Bartolomeo Apostolo. Sul manifesto funebre è stata riportata una frase del poeta inglese William Blake, che simboleggia la passione di Pierpaolo per l'agricoltura: “Impara nella semina, insegna nel raccolto e in inverno riposa”.

L'azienda agricola teatro dell'incidente:

pes4
Foto 1 di 4
pes2
Foto 2 di 4
Screenshot_20240621_150624_Chrome
Foto 3 di 4
Screenshot_20240621_150647_Chrome
Foto 4 di 4

Pierpaolo era un ragazzo molto innamorato del suo lavoro, come dimostrano diversi video come questo postati su Instagram:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Pierpaolo Bodini (@__b0do__)

Canicattì: agricoltore cade in una balla di fieno e muore asfissiato

Un'altra tragedia nei campi è avvenuta invece a Canicattì, in provincia di Agrigento, dove un agricoltore settantenne è morto dopo essere caduto in una catasta di balle di fieno dove era salito per recuperare alcune galline. A un certo punto, per cause ancora da chiarire, è rimasto soffocato dal fieno.

A lanciare l'allarme erano stati i familiari che non vendendolo rientrare sono andati a cercarlo in campagna. I soccorritori del 118 non hanno però potuto far nulla, se non accertare la tragedia.

 

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali