Da è tv

Maxi incendio ad Ancona: a fuoco un'azienda, evacuate 3 famiglie

Le fiamme si sono sprigionate in un’azienda che si occupa di riciclaggio rifiuti: ore per domarlo

Maxi incendio ad Ancona: a fuoco un'azienda, evacuate 3 famiglie
Pubblicato:
Aggiornato:

Maxi incendio nella zona industriale della Baraccola ad Ancona.

Guarda il servizio di E'Tv, una delle televisioni del nostro gruppo editoriale Netweek.

Le fiamme si sono sprigionate in un’azienda che si occupa di riciclaggio rifiuti, la Ds Smith recycling, in una parallela di Via caduti del lavoro.

Soltanto nella notte il rogo è stato circoscritto e la zona messa in sicurezza.

L'incendio

Maxi incendio ad Ancona

L’allarme è scattato attorno alle 23.30 del 19 giugno 2024. Sul posto i vigili del fuoco. Le fiamme erano altissime: una nuvola di fumo nero si è propagata nell'aria. A stretto giro anche un alert, a mezzo social, da parte del Comune di Ancona:

"Attenzione! Un consistente incendio si è sviluppato poco fa alla Baraccola, dietro al centro commerciale Mirum, all'interno di un'azienda commerciale. Sul posto oltre alle Forze dell'ordine, ai Vigili del Fuoco e alla Protezione civile comunale, stanno effettuando i rilievi del caso i tecnici dell'Arpam. In attesa delle analisi in via precauzionale chiediamo ai residenti della zona di tenere chiuse le finestre per evitare l'inalazione dei fumi. La viabilità potrebbe subire rallentamenti."

Sul posto i vigili del fuoco e le forze dell’ordine. Evacuate per precauzione 3 famiglie da un’abitazione confinante.

Dei testimoni hanno riferito di aver anche sentito alcune esplosioni, forse causate da bombole o altri materiali infiammabili presenti nel capannone. Fortunatamente non risultano feriti o intossicati, a dare l'allarme sono stati i residenti.

Soccorritori al lavoro

Nella notte è accorso sul luogo anche il vicesindaco di Ancona Giovanni Zinni, ai microfoni dei colleghi di E' tv Marche ha chiarito che, data la natura dell'incendio, ci sarebbero volute diverse ore per sedarlo. Ad andare a fuoco prevalentemente materiali cartacei, Zinni ha ribadito l'importanza, per la salute dei cittadini, di tenere chiuse le finestre.

Sono ancora ignote le cause del rogo, spetterà alle autorità ricostruire la dinamica del grave incidente.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali