Cronaca
Ipotesi shock della Procura

Il giallo della donna scomparsa da 45 giorni: "Uccisa dai vicini per il reddito di cittadinanza"

Rosa Bechere, 60 anni, sarebbe stata uccisa da una coppia per intascarsi il suo sussidio. Il corpo della donna ancora non si trova

Il giallo della donna scomparsa da 45 giorni: "Uccisa dai vicini per il reddito di cittadinanza"
Cronaca 13 Gennaio 2023 ore 17:06

Rosa Maria Luisa Bechere, sessantenne, invalida, è scomparsa da 45 giorni dalla sua abitazione di Olbia. Un vero e proprio giallo, sul quale oggi la Procura arriva a una ricostruzione shock: la donna sarebbe stata uccisa dai vicini di casa per rubarle il reddito di cittadinanza.

Rosa Maria Luisa Bechere, uccisa per il reddito di cittadinanza?

La ricostruzione della Procura di Tempio è veramente terribile: sono finiti nel registro degli indagati i vicini di casa, Maria Giovanna Meloni, 42 anni, e Giorgio Beccu, 49, che sarebbero accusati di omicidio e occultamento di cadavere. Secondo gli  inquirenti avrebbero rubato le carte Bancoposta e Postapay usate per l’accredito del reddito di cittadinanza alla sessantenne di origine genovese.

Sempre nelle ricostruzioni della Procura sarda, l'obiettivo dei due sarebbe stato  anche appropriarsi di un ulteriore accredito di un rimborso Inps da 10mila euro.

Le perquisizioni

Nella giornata di giovedì 12 gennaio 2023 i Carabinieri di Olbia, su ordine del sostituto procuratore Daniele Rosa, hanno perquisito tre abitazioni: due della coppia e una in via Petta, dove viveva la sessantenne e da dove è scomparsa il 26 novembre 2023.

Al momento però le ricerche non hanno portato a nulla di concreto. Così come non è stato trovato ancora il corpo della donna. La coppia sarà interrogata la prossima settimana.

La morte del compagno di Rosa

Rosa Bechere e i suoi presunti assassini vivevano nello stesso  condominio dove a marzo era stato ucciso Tony Cozzolino.  Un delitto per il quale è stato arrestato (e si trova tuttora in carcere a Sassari) Davide Iannelli, 48 anni, napoletano, compagno della sessantenne. L'omicidio era avvenuto al termine di un litigio tra i due: la discussione era degenerata e Ianelli aveva rovesciato addosso a Cozzolino una bottiglia piena di benzina, dandogli poi fuoco. Dopodiché si era costituito alla Polizia.

Seguici sui nostri canali