Cronaca
Il processo

Accusato di frode fiscale, Gigi D'Alessio assolto

La vicenda si trascinava dal 2010. Al cantante era contestata un'evasione per un milione e 700mila euro

Accusato di frode fiscale, Gigi D'Alessio assolto
Cronaca 09 Novembre 2021 ore 17:06

Gigi D'Alessio assolto dall'accusa di frode fiscale. La Procura aveva chiesto una condanna di quattro anni, il Tribunale monocratico ha deciso per l'assoluzione: il fatto non sussiste, la pronuncia della sentenza.

Gigi D'Alessio assolto

La vicenda risale a ormai tre anni fa e il teorema accusatorio della Procura aveva ipotizzato un'evasione fiscale per circa un milione e 700mila euro. Nella fattispecie, i fatti risalivano ancora più indietro nel tempo, ovvero al 2010, anno in cui il Fisco aveva messo la lente sulle dichiarazioni dei redditi del celebre cantante neomelodico napoletano. Secondo l'accusa, appunto, in quell'anno D'Alessio non avrebbe dichiarato utili per quasi due milioni di euro.

Vicenda chiusa

La vicenda andrà così ora in archivio. Con D'Alessio   sono anche state assolte altre quattro persone coinvolte nelle indagini. E la stessa star ha commentato entusiasta e visibilmente sollevato l'epilogo di una vicenda giudiziaria che lo stava segnando non poco come ammesso a tanti amici e anche in qualche occasione pubblica.

"Finalmente la giustizia ha fatto il suo corso. E' un giorno felice perché la verità è venuta a galla dopo oltre dieci anni di ombre dubbie e pesanti su di me e alcuni  miei collaboratori. Sono circostanze che segnano perché ci siamo dovuti difendere da accuse infondate che hanno infangato la nostra serietà e il nostro lavoro quotidiano".

Il cantante ha poi comunque stemperare qualsiasi tipo di polemica godendosi la gioia per la sentenza:

"Chi mi conosce sa che sono sempre stato tranquillo, avendo massima fiducia nella giustizia e nel lavoro della magistratura. Con tanta pazienza, è stata fatta luce a questa storia".

La soddisfazione dei legali

Il cantante era assistito dagli avvocati Pierpaolo Dell'Anno, Giuseppe Murone e Gennaro Malinconico. Anche i tre legali, alla pronuncia della sentenza hanno espresso la loro soddisfazione:

"La sentenza rende giustizia all'uomo prima che all'artista. Il tribunale ha ristabilito la verità dopo un percorso giudiziario di dieci anni con accuse che sono rimaste  prive di riscontro".