Dal Circuito Netweek

Esplosione in un capannone di vernici, un morto

Tragedia alla Mega Wilcknes di Brugherio (Monza). Nel Pavese incidente sul lavoro al fast food, donna travolta dalle salse

Esplosione in un capannone di vernici, un morto
Pubblicato:
Aggiornato:

Ancora un gravissimo incidente sul lavoro in Lombardia. A Brugherio, nel capannone dell'azienda di vernici Mega Wilcknes martedì 11 giugno 2024 si è verificata un'esplosione. E c'è una vittima.

Esplosione nel capannone di vernici

Come racconta il nostro portale locale Prima La Martesana, il grave incidente sul lavoro si è verificato nella mattina di martedì 11 giugno 2024 nel capannone dell'azienda di vernici Mega Wilcknes a Brugherio, in via Aristotele 28, nella zona industriale al confine con Agrate e Carugate.

La violenta esplosione si è verificata attorno alle 10: il botto, che avrebbe interessato una cisterna, ha innescato un incendio con una colonna di fumo visibile anche ad alcuni chilometri di distanza.

Morto un operaio

Purtroppo il primo bilancio è tragico e parla di una vittima, un operaio rimasto coinvolto nell'esplosione. Non ci sarebbero altre persone ferite.

WhatsApp-Image-2024-06-11-at-10.23.32-3
Foto 1 di 3
WhatsApp-Image-2024-06-11-at-10.23.32-2
Foto 2 di 3
WhatsApp-Image-2024-06-11-at-10.55.52
Foto 3 di 3

Sul posto due ambulanze con automedica e quattro mezzi dei Vigili del fuoco. La strada è stata chiusa e sul posto sono arrivati anche i Carabinieri, che hanno ascoltato le testimonianze di alcuni operai per ricostruire la dinamica dell'accaduto.

Travolta dai barattoli di salse al fast food

Purtroppo continua la scia di incidenti sul lavoro, in tutta Italia e in Lombardia, anche nei luoghi più impensabili. Domenica 9 giugno 2024 a Montebello della Battaglia, in provincia di Pavia, una donna di 55 anni è stata travolta da barattoli di ketchup e maionese al fast food.

Come riporta il nostro portale locale Prima Pavia, la donna è stata colpita da una valanga di barattoli di salse, prevalentemente ketchup e maionese, dopo il crollo improvviso di una pensilina su cui erano stipati. I barattoli sono caduti in massa, travolgendo la malcapitata.

Dopo le prime cure sul posto, la lavoratrice è stata trasportata all'ospedale di Voghera in codice verde. Nonostante le contusioni riportate, non sono state rilevate fratture o lesioni gravi.

Incidenti sul lavoro in Lombardia: 52 vittime fino ad aprile 2024

Sono 52 le vittime di incidenti sul lavoro in Lombardia nel primo quadrimestre del 2024: +6,1% rispetto al 2023. La regione resta in zona gialla con un'incidenza di mortalità (7,3) inferiore alla media nazionale (8,7).

“Siamo arrivati alla fine del primo quadrimestre del 2024 e la Lombardia, come spesso accade, si trova ad indossare la maglia nera per numero di morti sul lavoro. Sono 52 le vittime a fine aprile. Ma i numeri dei decessi, come sappiamo, devono essere rapportati alla popolazione lavorativa, che in Lombardia è la più numerosa rispetto a tutte le altre regioni. E infatti, quando si parla di rischio di mortalità rispetto alla popolazione lavorativa il risultato cambia e la Lombardia viene ancora inserita in zona gialla, con un’incidenza di infortuni mortali inferiore alla media nazionale”.

Mauro Rossato, Presidente dell’Osservatorio Vega Engineering, apre così la sua riflessione per descrivere l’emergenza in Lombardia nell’ultima indagine elaborata dal proprio team di esperti.

“In effetti in Lombardia si verificano 7,3 infortuni mortali ogni milione di occupati, mentre la media italiana è di 8,7. Purtroppo questo dato positivo non viene riscontrato in tutte le province della regione: Brescia, Sondrio, Pavia e Mantova presentano un rischio di infortunio mortale molto superiore alla media nazionale fino ad arrivare, nel caso di Brescia, a 18,2 infortuni mortali ogni milione di occupati”.

La zona gialla, quella in cui si trova la Lombardia, è la zona che, subito dopo la bianca, raggruppa le regioni con l’incidenza di mortalità sul lavoro tra le meno elevate a livello nazionale. E a fine aprile 2024, il rischio di infortunio mortale in Lombardia (7,3 morti per milione di occupati) risulta essere inferiore rispetto alla media nazionale pari a 8,7.

Per quanto riguarda le incidenze, nel dettaglio, in regione si scopre che sono Brescia, Sondrio, Pavia e Mantova a trovarsi in “zona rossa” con un’incidenza rispettivamente di 18,2, 13,4, 12,7 e 11,0. Sono seguite in zona arancione da Monza e Brianza (9,9) e in zona bianca da buona parte delle province lombarde con rischi di mortalità ben al di sotto della media regionale e nazionale, a cominciare da Cremona (6,5), Varese (5,1), Milano (4,6), Bergamo (4,1) e Como (3,8).

I decessi

Sono 52 i decessi da gennaio ad aprile 2024 (contro i 49 del 2023): 33 quelli rilevati in occasione di lavoro (9 in meno dello scorso anno) e 19 quelli in itinere (12 in più del 2023). Ed è sempre tristemente prima in Italia sia per numero di vittime totali, sia per decessi in occasione di lavoro.

Il più elevato numero di decessi totali si è verificato in provincia di Brescia (13). Seguono: Milano con 12 decessi, Bergamo e Pavia (5), Varese e Monza Brianza (4), Mantova (3), Cremona e Lodi (2), Como e Sondrio (1). Lecco non ha registrato vittime.

E Brescia è in cima alla graduatoria anche quando si analizzano gli infortuni mortali in occasione di lavoro con 10 vittime. Seguono: Milano (7), Monza e Brianza (4), Pavia (3), Bergamo, Mantova e Varese (2), Como, Cremona e Sondrio (1). Non si sono verificate vittime in occasione di lavoro nelle province di Lecco e Lodi.

Infine sono 37.796 le denunce di infortunio complessive su un totale, in Italia, di 193.979. Vale a dire il 19,5% di quelle rilevate in Italia. Alla fine di aprile 2024 le denunce di infortunio totali sono cresciute del 4,4% rispetto alla fine di aprile del 2023: erano 36.200 e ora sono 37.796.

Infortuni

È la provincia di Milano quella con il maggior numero di denunce totali di infortunio (12.671), seguita da: Brescia (5.309), Bergamo (4.448), Varese (3.400), Monza Brianza (2.606), Como (1.777), Mantova (1.669), Pavia (1.639), Cremona (1.558), Lecco (1.211), Lodi (773) e Sondrio (735).

Sono 13.920 le denunce di infortunio delle donne lavoratrici (11.095 in occasione di lavoro) e 23.876 quelle degli uomini (20.815 in occasione di lavoro). Due le donne che hanno perso la vita in occasione di lavoro. Le denunce dei lavoratori stranieri sono 9.006 su 37.796 (quasi il 25%). E sono 7.512 le denunce dei lavoratori stranieri registrate in occasione di lavoro. Sono 13 i lavoratori stranieri deceduti nel primo quadrimestre 2024 in occasione di lavoro. Quasi il 40% delle vittime della regione.

La fascia d’età più colpita dagli infortuni mortali in occasione di lavoro è quella che va dai 55 ai 64 anni (13 vittime), ovvero quasi il 40% del totale.

Settore più colpito

Le Attività Manifatturiere, anche alla fine di aprile 2024, sono ancora in cima alla graduatoria delle denunce di infortunio in occasione di lavoro (5.079). Sono seguite da: Trasporto e Magazzinaggio (2.066), Commercio (1.834), Sanità (1.792) e Costruzioni (1.702).

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali