Cronaca
MISSIONE IN CORSO

Individuato l'elicottero disperso sull'Appennino: trovati sette corpi senza vita

Era partito da Lucca e doveva arrivare a Treviso, ma i contatti radio si erano interrotti nel Modenese.

Cronaca 11 Giugno 2022 ore 14:00

Sarebbe dovuto arrivare nella mattinata di giovedì 9 giugno 2022 nel Trevigiano, ma a un certo punto il segnale radio è sparito mentre si trovava a sorvolare l'Appennino tosco-emiliano. Come racconta Prima Modena, è stato individuato nella mattinata di oggi, sabato 11 giugno 2022, l'elicottero disperso con sette persone a bordo tra Toscana ed Emilia Romagna.

AGGIORNAMENTO 15.45 - La Prefettura di Modena ha comunicato che i soccorritori hanno ritrovato, privi di vita, tutti e sette gli occupanti dell'elicottero precipitato giovedì mattina: si tratta del pilota veneto e di sei passeggeri, quattro di nazionalità turca e due di nazionalità libanese, in viaggio d'affari in Italia.

Elicottero disperso sull'Appennino: ricerche in corso

I contatti erano stati persi con il velivolo decollato da Tassignano di Capannori, in provincia di Lucca, e diretto a Castelminio di Resana (Treviso) con a bordo 7 persone compreso il pilota.

Chi c'era a bordo

Si tratta di un AgustaWestland AW119 Koala (I-ELOP) della Avio SRL, con sede a Schio, in provincia di Vicenza. L'elicottero era stato noleggiato  per portare alcuni clienti (2 libici e 4 turchi) ospiti dell’open house della Gambini di Altopascio (Lucca) alla RotoCart di Castelminio di Resana (Treviso). Con loro a bordo il pilota Corrado Levorin, 33 anni, residente a Padova.

Sembra che il pilota non avesse presentato il piano di volo ma aveva informato che avrebbe fatto scalo a Pavullo nel Frignano (Modena). Il tecnico della compagnia è rimasto a Tassignano di Capannori. Il cellulare del pilota sarebbe stato agganciato nella mattinata di ieri a San Pellegrino in Alpe, nell’Appennino tosco-emiliano (1525 metri di altitudine). In quel momento sulla zona c’era maltempo.

Trovati cinque corpi senza vita

L’elicottero si è schiantato sul greto di un torrente, il Lama, al passo degli Scaloni, 1.922 metri d’altitudine, a due chilometri dal rifugio Segheria, sul Monte Cusna.

La zona è particolarmente impervia. Sul luogo dell’impatto Aeronautica militare, Soccorso alpino, Guardia di finanza, Carabinieri di Castelnuovo Monti. Area sotto sequestro.

Individuati cinque cadaveri tra coloro – sette in tutto – che erano a bordo dell’elicottero scomparso giovedì mattina.

A bordo del velivolo viaggiavano oltre al pilota, Corrado Levorin di 33 anni originario di Padova, anche quattro imprenditori turchi: Kenar Serhat, Cez Arif, Ilker Ucar, Altug Bulent Erbil, dipendenti di un’importante azienda turca, la Eczacibasi. E Chadi Kreidy e Tarek Tayah, rispettivamente della ditta Sanita e Gespa del gruppo libanese Indevco.

Nel corso delle ricerche ripartite alle 7 di questa mattina, un elicottero della Guardia di Finanza ha avvistato sul Monte Cusna un cratere e dei detriti. Un uomo, che si trovava a terra nell'area del monte Cusna ha segnalato ai soccorritori probabili resti dell'elicottero.

La causa della tragedia è stata il maltempo: in un video di pochi secondi inviato da uno dei passeggeri libici al figlio, si vede l'elicottero che vola nel mezzo di una violenta tempesta.

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter