Attualità
battaglia tra case farmaceutiche

Vaccini Covid: Moderna fa causa a Pfizer

Secondo la multinazionale americana i colleghi tedeschi avrebbero "copiato" l'approccio sul siero a mRna.

Vaccini Covid: Moderna fa causa a Pfizer
Attualità 26 Agosto 2022 ore 15:34

Quella che si profila all'orizzonte è una vera e propria "guerra" tra case farmaceutiche. E il campo di battaglia sono i vaccini Covid. Moderna ha infatti deciso di fare causa a Pfizer-BioNtech, accusandola di aver copiato dei brevetti legati ai vaccini a mRna e di averli utilizzati senza permesso.

Vaccini Covid: Moderna fa causa a Pfizer

L'azione legale è stata depositata in un Tribunale della Germania e presso la Corte distrettuale del Massachussetts.

 "Facciamo causa per proteggere la nostra piattaforma tecnologica innovativa mRna in cui abbiamo investito miliardi", ha dichiarato Moderna, in una nota.

Un affare da miliardi di dollari

I vaccini Covid sono una vera montagna di soldi per le case farmaceutiche che li hanno sviluppati. Pfizer e Moderna hanno previsto di generare vendite per 52 miliardi di dollari nel 2022. E quindi è da capire come la multinazionale statunitense abbia tutta l'intenzione di preservare la propria "creatura".

Secondo il responsabile legale di Moderna, Shannon Thyme Klinger, Pfizer al momento dell'esplosione della pandemia non avrebbe avuto le competenze per  sviluppare nello stesso tempo un siero a mRna.

"Pfizer e BioNtech hanno sviluppato un vaccino che ha la stessa identica modifica chimica dell'mRna del preparato Spikevax e hanno copiato l'approccio di Moderna per codificare la proteina spike a lunghezza intera in una formulazione di nanoparticelle lipidiche per un coronavirus. Quando è scoppiata la pandemia, né Pfizer né BioNTech avevano il livello di esperienza di Moderna nello sviluppo di vaccini mRna per malattie infettive e hanno seguito consapevolmente l'esempio di Moderna nello sviluppo del proprio vaccino".

"La nostra piattaforma tecnologica innovativa mRN, che abbiamo iniziato a costruire nel 2010, insieme al nostro lavoro brevettato sui coronavirus nel 2015 e nel 2016, ci ha permesso di produrre un vaccino anti-Covid sicuro e altamente efficace in tempi record dopo lo scoppio della pandemia - ha aggiunto Stéphane Bancel, amministratore delegato di Moderna - Mentre lavoriamo per combattere le sfide sanitarie che vanno avanti, Moderna sta utilizzando la nostra piattaforma tecnologica mRNA per sviluppare medicinali in grado di curare e prevenire malattie infettive come l'influenza e l'Hiv, nonché malattie autoimmuni e cardiovascolari e forme rare di cancro".

Niente richiesta di ritiro

Dunque i vaccini Pfizer corrono il rischio di essere ritirati? No.  Moderna ha infatti precisato che non intende chiedere il ritiro o un'ingiunzione che ne impedisca la vendita in futuro. Nell'ottobre 2020 Moderna si era infatti impegnata a non far valere i suoi brevetti relativi al Covid-19, impegno poi ribadito a marzo 2022, "quando la lotta collettiva contro il Covid-19 è entrata in una nuova fase e la fornitura di vaccini non era più una barriera all'accesso in molte parti del mondo".

 

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter