Attualità
UNA GIORNATA DA INCUBO

Trasporti e scioperi, dagli aerei ai treni si annuncia un venerdì nero

Quasi mille i voli cancellati e circa 150mila passeggeri coinvolti anche se qualcuno riuscirà a viaggiare nelle fasce protette.

Trasporti e scioperi, dagli aerei ai treni si annuncia un venerdì nero
Attualità 20 Ottobre 2022 ore 14:06

Trasporti e scioperi, dagli aerei ai treni si annuncia un venerdì nero. La situazione più delicata riguarda i voli: in tutta Italia incrocerà il personale degli aeroporti, ma si fermeranno anche i dipendenti di alcuni sindacati e alcune linee del trasporto pubblico su ferro e gomma.

Black friday, ma gli acquisti super scontati non c'entrano nulla

La giornata di domani, venerdì 21 ottobre 2022, si annuncia dunque un "Black Friday", un "venerdì nero", ma le promozioni a prezzi super scontati nulla c'entrano.

Le preoccupazioni sono invece tutte concentrate sui trasporti dove quello che affronteranno milioni di cittadini rischia di rivelarsi un incubo.

Sarà dunque una giornata difficile per i viaggiatori che devono prendere un volo.

Da Milano al resto d'Italia, la mappa dei disagi

La situazione più delicata e difficile si annuncia a Milano, dove incroceranno le braccia molti operatori di diversi settori dell'aeroporto di Malpensa e già si annunciano cancellati decine di voli in arrivo e in partenza a Milano-Malpensa.

Proprio il traffico aereo, come detto, sarà quello maggiormente interessato dalla protesta dei lavoratori.

Le sigle sindacali di Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti hanno infatti confermato lo sciopero nazionale per l’intera giornata di tutto il personale Enav.

Annunciato lo sciopero anche dei dipendenti delle compagnie aeree Vueling ed Easyjet che già all'inizio del mese avevano incrociato le braccia.

La raccomandazione verso i passeggeri è quella di contattare in queste ore le compagnie per avere aggiornamenti sul proprio volo.

I voli cancellati e gli orari della protesta

La protesta scatterà al passaggio della giornata da giovedì a venerdì, dunque alla mezzanotte di venerdì 21.

I disagi saranno evidenti, basti pensare che Ryanair ha già comunicato la cancellazione di 600 voli da e per l'Italia per un totale di oltre 100mila passeggeri interessati e che sono stati avvisati in queste ore.

Ita Airways prevede la cancellazione di oltre 200 voli nazionali e internazionali, ma la compagnia attraverso un piano straordinario di emergenza conta di riuscire a far viaggiare almeno il 20% delle persone che avevano in mano un biglietto aereo. 

Questo perché durante gli scioperi sono previste fasce orarie di tutela, dalle 7 alle 10 e dalle 18 alle 21, nelle quali i voli devono essere garantiti.

Sono state comunque già comunicate anche le procedure e modalità per chiedere un rimborso.

Perché si sciopera, il comunicato delle sigle sindacali

Sui motivi dello sciopero, le sigle sindacali hanno diramato un comunicato congiunto:

"Dopo diversi incontri con i vertici di Enav, non sono emersi elementi sufficienti a dare risposte alle numerose problematiche che abbiamo posto ormai da mesi alla dirigenza". Nel dettaglio, l’applicazione e l’evoluzione del piano industriale, l’adeguamento degli organici, l’organizzazione dei turni di lavoro, ma soprattutto la definizione di tempistiche e contenuti del rinnovo del contratto, sono tutti elementi importanti che attendono da troppo tempo una risposta. Per questo motivo porteremo avanti la nostra protesta anche con altre azioni future se si renderanno necessarie".

Seguici sui nostri canali