Attualità
INCREDIBILE GIRAVOLTA

Appena scopre di essere incinta, tolto lo stipendio alla calciatrice

Nel 2020 la società s'era comportata in maniera opposta: le aveva addirittura rinnovato il contratto al settimo mese di gravidanza, diventando così un simbolo virtuoso per tutte le calciatrici italiane e i loro diritti

Appena scopre di essere incinta, tolto lo stipendio alla calciatrice
Attualità 22 Dicembre 2022 ore 12:16

E' diventato un caso nazionale, quello di Alice Pignagnoli, portiere della Lucchese Serie C di calcio, in Toscana. La calciatrice ha rivelato che, dopo aver comunicato di essere in attesa di un bambino per la seconda volta, il club si è rifiutato di pagarla.

La denuncia di Alice Pignagnoli

Come racconta Prima Reggio Emilia, una reazione inaspettata che ha stupito e deluso la calciatrice, dopo che nel 2020 la società s'era comportata in maniera diametralmente opposta: le aveva addirittura rinnovato il contratto al settimo mese di gravidanza, diventando così un simbolo virtuoso per tutte le calciatrici italiane e i loro diritti.

"A metà ottobre ho scoperto di essere incinta per la seconda volta, l'ho comunicato al manager della Lucchese, Mario Santoro, e mi sono sentita dire che gli impegni presi in estate vanno rispettati: non era più loro intenzione pagarmi ciò che mi spetta.

È la società che mi ha deluso. Fino a ieri mattina non mi erano nemmeno state pagate le prime tre mensilità di questa stagione. Poi è uscita la notizia, ed ecco arrivati i soldi".

Alice Pignagnoli in campo

Lo sfogo sui social

Lo sfogo è continuato sui social dove la Pignagnoli, in un post profondo in cui si rivolgeva al bimbo che ha in grembo per raccontare le sue paure e le sue delusioni:

"Sono stati mesi molto difficili. Allontanarmi dal campo è, per me, sempre un lutto a tutti gli effetti. Poi, contrariamente a quanto mi aspettassi, trovare una società ostile come la Lucchese, che mi ha ferito come donna, madre e atleta ha creato un solco profondo. Mi sono sentita sola, inutile, incapace, un giocattolo vecchio da gettare".

Il contratto

Il contratto con la Lucchese scadrà ufficialmente il 30 giugno e non è possibile attuare una rescissione poiché la norma che prevedeva la rottura del contratto per la gravidanza dell'atleta è stata, per fortuna, abolita.

La società ha il dovere di pagare la Pignagnoli fino al 31 gennaio, dunque, e da febbraio a giugno toccherà invece al fondo per la maternità della Federazione:

"A giugno partorirò e dal 1 luglio sarò svincolata chissà se ci sarà una società che avrà la forza di offrirmi un contratto".

Le foto di Alice Pignagnoli, mamma-calciatrice

242822783_10160097410189301_475934843578303858_n
Foto 1 di 11
315955489_10160933072289301_8109350033390278741_n
Foto 2 di 11
310622891_10160833721234301_6362692686205910152_n
Foto 3 di 11
224096102_10159972219144301_8886905114765177354_n
Foto 4 di 11
282001034_10160566437889301_6823118840854071882_n
Foto 5 di 11
284608004_10160603589944301_528850053573744673_n
Foto 6 di 11
314028521_10160887135049301_4562322616185909313_n
Foto 7 di 11
289243086_10160630268399301_5052712769226350571_n
Foto 8 di 11
309381231_10160796895624301_1347154608760183429_n
Foto 9 di 11
296616397_10160698165664301_3667262496925976036_n
Foto 10 di 11
295580914_10160698165674301_432892901878630556_n
Foto 11 di 11
Seguici sui nostri canali