diplomifici

Stretta sui "diplomifici": il Ministro Valditara "fa saltare" 47 scuole paritarie

L'indagine ha coinvolto 70 istituti distribuiti tra Campania, Lazio e Sicilia: spaccato inquietante. Docenti non abilitati e materie "fatte sparire"

Stretta sui "diplomifici": il Ministro Valditara "fa saltare" 47 scuole paritarie
Pubblicato:
Aggiornato:

Il Ministero dell'Istruzione e del Merito, guidato da Giuseppe Valditara, ha recentemente concluso un'indagine approfondita sui cosiddetti "diplomifici". Ne è uscito uno spaccato totalmente inadeguato per molte scuole paritarie, sospettate di irregolarità in vista dell'esame di maturità. A 47 scuole verrà revocata la parità. E si corre ai ripari, con nuove e stringenti regole.

Il ministro dell'Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara

Indagine sulle scuole paritarie: diplomifici inadeguati

L'indagine, avviata a novembre, ha coinvolto 70 istituti distribuiti tra Campania, Lazio e Sicilia, con l'obiettivo di garantire la qualità dell'istruzione per tutti gli studenti, sia nelle scuole statali che in quelle paritarie.

Sono emerse numerose irregolarità. Tra i 70 istituti esaminati, 47 sono stati segnalati alle direzioni scolastiche regionali per avviare le procedure di revoca della parità. In particolare, sono stati sottoposti a controllo 40 istituti in Campania, 15 nel Lazio e 15 in Sicilia. Le violazioni riscontrate includono la mancanza di abilitazioni tra il personale docente, l'assenza di laboratori necessari per corsi tecnici e la mancanza di infrastrutture adeguate per gli istituti enogastronomici, tra cui cucine e derrate alimentari.

Cucina professionale

In alcuni casi, sono state addirittura eliminate intere materie dal curriculum. Inoltre, è emersa la presenza di numerose classi quinte collaterali con un alto numero di studenti residenti fuori regione, non dichiarati in modo regolare, e gravi difformità nelle ore di servizio dei docenti.

Nuove regole per contrastare il pressapochismo

Per contrastare le irregolarità emerse, il Ministero ha introdotto nuove misure che entreranno in vigore a partire dal prossimo anno scolastico. Fra queste:

  • Pagella elettronica: Ogni studente avrà una pagella elettronica che documenta il suo progresso durante tutto l'anno scolastico.
  • Registro online: Le scuole saranno obbligate a mantenere un registro online, rendendo più trasparente e accessibile il monitoraggio delle attività didattiche.
  • Protocollo informativo: Un protocollo informativo sarà in vigore per tutto l'anno scolastico per garantire la trasparenza delle operazioni scolastiche e facilitare il controllo delle attività didattiche.

Queste misure, approvate dal Consiglio dei Ministri e prossime alla presentazione alle Camere come parte del disegno di legge Semplificazioni, mirano a eliminare le pratiche scorrette nelle scuole paritarie e a garantire un'istruzione di qualità per tutti gli studenti.

"Turismo da Diploma"

Un aspetto preoccupante è il fenomeno del "turismo da diploma", particolarmente diffuso nelle regioni del Sud Italia. La Campania detiene il primato, con i maturandi delle scuole paritarie che rappresentano il 30% del totale, rispetto a meno del 7% nel resto del Paese. Nella provincia di Salerno, la percentuale sale oltre il 40%. Questo fenomeno è indicativo di un sistema che necessita di una riforma urgente per garantire equità e qualità educativa su tutto il territorio nazionale.

"Tolleranza zero"

Il Ministro Valditara ha ribadito la linea di "tolleranza zero" verso i diplomifici, sottolineando l'importanza di queste nuove misure per migliorare il sistema educativo. L'introduzione della pagella elettronica, del registro online e del protocollo informativo rappresenta un passo fondamentale per assicurare trasparenza e qualità nell'istruzione, prevenendo le pratiche scorrette che danneggiano l'integrità del sistema scolastico italiano.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali