Attualità
il monitoraggio del venerdì

Sempre più regioni in zona gialla: chi cambia colore per Natale

Liguria, Marche, Veneto e Trento si aggiungeranno a Friuli, Bolzano e Calabria.

Sempre più regioni in zona gialla: chi cambia colore per Natale
Attualità 17 Dicembre 2021 ore 12:57

Crescono le regioni in zona gialla. A Friuli Venezia Giulia, Provincia di Bolzano e Calabria, si aggiungeranno da lunedì (e dunque passeranno il Natale con la nuova "colorazione") anche Liguria, Marche, Veneto e Provincia di Trento. Queste aree hanno infatti superato i tre parametri di allerta e dunque nel pomeriggio di venerdì 17 dicembre 2021 saranno oggetto di ordinanza da parte del ministro della Salute Roberto Speranza.

Chi passerà il Natale in zona gialla?

Per passare dalla zona bianca alla zona gialla serve avere  un'incidenza settimanale dei contagi pari o superiore a 50 casi Covid ogni 100.000 abitanti e contemporaneamente il tasso di occupazione dei posti letto in area medica per pazienti Covid superiore al 15% e tasso di occupazione in terapia intensiva superiore al 10%.

Le regioni che questa settimana hanno superato i parametri sono  Liguria (incidenza 313,1; area medica 17,9%; intensive 13,7%); Marche (264; 15,6%; 16,7%); Provincia autonoma di  Trento (299,8; 17,6%; 21,1%); Veneto (498,9; 16%; 15%). Per loro il verdetto è scontato.

Qualche dato nazionale

Nove Regioni e Province autonome superano questa settimana la soglia di allerta del 10% di occupazione per casi Covid nelle terapie intensive. Sono Calabria (11,8%), Emilia Romagna (11,9%), Friuli Venezia Giulia (18,3%), Liguria (13,7%), Marche (16,7%), Molise (10,3%), PA Bolzano (18%), PA Trento (21,1%), Veneto (15%).

Otto superano invece la soglia di allerta del 15% per l'occupazione dei reparti di area medica: Calabria (20,8%), Friuli Venezia Giulia (22,6%), Liguria (17,9%), Marche (15,6%), PA Bolzano (16%), PA Trento (17,6%), Valle d'Aosta (18,2%), Veneto (16%).

 L'incidenza settimanale a livello nazionale è in netto aumento: 241 casi ogni 100.000 abitanti  contro 176 di sette giorni prima.

Il tasso di occupazione nazionale dei reparti di terapia intensiva è al 9,6%   contro l'8,5%  della scorsa settimana. Quello delle aree mediche  sale al 12,1%   contro il 10,6% del 9 dicembre.

Cosa cambia con la zona gialla

Con il passaggio in zona gialla sono pochi i cambiamenti per i vaccinati e i guariti, che posseggono il Super Green pass. Per loro l'unica modifica sostanziale è l'obbligo di indossare la mascherina anche all'aperto.

Solo chi ha il Green pass "rafforzato" potrà:

  • Andare al bar e al ristorante al chiuso
  •  Andare in palestra e nelle piscine al chiuso
  • Andare al cinema e al teatro
  •  Salire sugli impianti da sci
  •  Entrare alle fiere e ai convegni;
  • Andare nei parchi di divertimento
  •  Andare alle terme

Chi invece ha il Green pass "base" non potrà svolgere queste attività.