Attualità
Studio americano

Sembra che la cannabis impedisca al Covid di entrare nelle cellule

In particolare due composti prendono di mira la proteina spike, inibendo la principale via d'infezione del coronavirus.

Sembra che la cannabis impedisca al Covid di entrare nelle cellule
Attualità 15 Gennaio 2022 ore 09:34

Cannabis e Covid, una ricerca scientifica sostiene che due componenti della cannabis possono prevenire l'infezione. I composti trovati nella cannabis sativa sembrano prendere di mira la proteina spike del coronavirus, il suo principale metodo di infezione.

La cannabis potrebbe aiutare nella prevenzione del Covid

La marijuana può aiutare a prevenire il COVID-19 ? A quanto pare sì, stando a un nuovo studio pubblicato sul periodico accademico Journal of Natural Products dai ricercatori dell'Oregon State University, che si concentra in particolare sui composti della canapa, noti specificamente come cannabis sativa.

Questo tipo di marijuana viene utilizzato in molti prodotti diversi come cosmetici, cibo, lozioni e integratori alimentari. Ma un paio di acidi cannabinoidi presenti nella canapa potrebbero essere in grado di aiutare a prevenire le infezioni da Covid.

Presa di mira la proteina spike

Questi composti, l'acido cannabigerolico o CBGA e l'acido cannabidiolico, CBDA, agiscono legandosi alle proteine ​​spike del coronavirus. Questo è importante, in quanto significa che hanno lo stesso target farmacologico (una molecola fondamentale per il processo della malattia) dei vaccini Covi e dei trattamenti anticorpali. In altre parole, questo blocca il modo principale del virus di infettare le persone. È stato dimostrato che i composti che bloccano il processo di infezione funzionano anche in altre malattie, come l'HIV e l'epatite.

"Questi acidi cannabinoidi sono abbondanti nella canapa e in molti estratti di canapa", ha affermato l'autore principale Richard van Breemen. “Non sono sostanze controllate come il THC, l'ingrediente psicoattivo della marijuana, e hanno un buon profilo di sicurezza nell'uomo. E la nostra ricerca ha mostrato che i composti di canapa erano ugualmente efficaci contro le varianti di SARS-CoV-2, inclusa la variante B.1.1.7 [Alpha], che è stata rilevata per la prima volta nel Regno Unito, e la variante B.1.351 [Beta], rilevata per la prima volta in Sud Africa."

E ancora:

"Questi composti possono essere assunti per via orale e hanno una lunga storia di uso sicuro negli esseri umani. Hanno il potenziale per prevenire e curare l'infezione da SARS-CoV-2. CBDA e CBGA sono prodotti dalla pianta di canapa come precursori di CBD e CBG, che sono familiari a molti consumatori. Tuttavia, sono diversi dagli acidi e non sono contenuti nei prodotti a base di canapa".

Ma mentre i composti sembrano efficaci contro le varianti Alpha e Beta, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” non è chiaro se siano efficaci contro gli altri come Delta e Omicron. Sono necessarie ulteriori ricerche per testare questo, oltre a testare altri composti, in particolare uno derivato dalla liquirizia che si lega anche alla proteina spike.