Attualità
Allerta alimentare

Richiamo per le arachidi in guscio: tossine oltre i limiti consentiti

Si tratta delle "Arachidi in guscio tostate" del marchio "Alesto".

Richiamo per le arachidi in guscio: tossine oltre i limiti consentiti
Attualità 15 Settembre 2022 ore 17:01

Il Ministero della Salute ha disposto il ritiro per le arachidi del marchio "Alesto": nell'articolo oggetto di richiamo sono state rilevata tracce di aflatossine oltre i limiti consentiti.

Richiamo per le arachidi in guscio: tracce di aflatossine oltre i limiti

Richiamo alimentare da parte del Ministero della Salute per le arachidi del marcio "Alesto" a causa della presenza di aflatossine oltre i limiti consentiti. Il prodotto oggetto di segnalazione alimentare "Arachidi in guscio tostate", prodotto da Ciavolino Daniele & Figli Roma Srl e commercializzato da Lidl Italia Srl. La sede dello stabilimento di produzione è  Via Campo di Carne 20/4 00040 Ardea (RM). Il lotto di produzione è il numero 19522P, con data di scadenza 07/2023  e venduto in confezioni da 500 gr.

Il prodotto oggetto di richiamo alimentare

"A seguito di un’analisi effettuata su un campione del prodotto Alesto Arachidi in guscio tostate, 500g lotto 19522P da consumarsi preferibilmente entro fine 07/2023, sono state riscontrate tracce di Aflatossine oltre i limiti consentiti".

Il prodotto non idoneo al consumo. Si invitano i consumatori a riportarlo al punto vendita per il rimborso. Il richiamo riguarda solo alcuni punti vendita. Si invita a verificare il lotto per capire se il prodotto è coinvolto. Altri prodotti marchio Alesto non sono coinvolti.

Cosa sono le aflatossine

Le aflatossine sono micotossine prodotte da due specie di Aspergillus, un fungo che si trova soprattutto in zone caratterizzate da clima caldo e umido. Poiché le aflatossine sono note per le loro proprietà genotossiche e cancerogene, l'esposizione del consumatore tramite gli alimenti deve essere mantenuta quanto più bassa possibile. Le aflatossine possono essere presenti in prodotti alimentari come arachidi, frutta a guscio, granoturco, riso, fichi e altra frutta secca, spezie, oli vegetali grezzi e semi di cacao, a seguito di contaminazioni fungine avvenute prima e dopo la raccolta.

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter