Aumenti sopra il 3%

Quanto costa la mensa scolastica: i prezzi in tutte le città d'Italia

Grandi differenze tra chi paga meno di 50 euro al mese e chi supera i 130

Quanto costa la mensa scolastica: i prezzi in tutte le città d'Italia
Pubblicato:
Aggiornato:

Il costo della mensa scolastica dei propri figli è una "tassa" che ogni famiglia deve accollarsi per anni. E che incide anche in maniera importante sui budget familiari. Con grandi differenze da città a città. Lo testimonia il report di Cittadinanzattiva, che ha pubblicato la settima indagine sulle mense scolastiche italiane.

In media ogni famiglia spende circa 85 euro al mese, oltre il 3% in più rispetto allo scorso anno. La regione più cara è la Basilicata (109 euro al mese), la più economica la Sardegna (61 euro per l'infanzia, 65 euro per la primaria).

Quanto costa la mensa scolastica in Italia: le cifre

In media, dunque, gli italiani spendono per i pasti dei figli a scuola 4,20 euro al giorno per le scuole dell'infanzia e 4,26 per la primaria. Come detto il 3% circa in più dell'anno scorso. Le variazioni però sono molto differenti a livello regionale: in Calabria si registra un aumento di oltre il 26%, mentre in Umbria la riduzione più evidente è di circa il 9%.

A livello di singoli capoluoghi di provincia, sono le famiglie di Barletta a spendere di meno per il singolo pasto (2 euro sia per l’infanzia che per la primaria) mentre per l’infanzia si spende di più a Torino (6,60 euro a pasto) e per la primaria a Livorno e Trapani (6,40 euro).

2
Foto 1 di 4
3
Foto 2 di 4
4
Foto 3 di 4
5
Foto 4 di 4

Fra le città metropolitane, soltanto Roma rientra nella classifica delle meno care, con un costo a pasto per la famiglia “tipo” di circa 2,32 euro in entrambe le tipologie di scuola.

Il costo della mensa città per città

Vediamo ora nelle immagini seguenti i costi città per città.

Abruzzo

In Abruzzo chi paga meno sono gli abitanti de L'Aquila, che pagano quasi la metà rispetto a quelli di Chieti.

Basilicata

Nella regione più cara d'Italia in media, a Matera la mensa costa decisamente meno che a Potenza.

Calabria

Grandi differenze tra Vibo Valentia, più economica, e il resto della regione.

Campania

In Campania prezzi più o meno simili, con uno scarto di pochi centesimi tra Napoli, la più economica, e Avellino, la più cara.

Emilia Romagna

Anche in Emilia Romagna grosse differenze: si va dai 90 euro al mese di Cesena ai 130 di Modena per l'infanzia e dagli 86 di Ferrara ai 124 di Parma per la primaria.

Friuli Venezia Giulia

In Friuli va decisamente peggio agli abitanti di Udine, dove i prezzi sono ben  più altri rispetto al resto della regione, quasi il doppio di Gorizia.

Lazio

Roma, Latina  e Viterbo si mantengono economiche, decisamente più care Rieti e Frosinone.

Liguria

In Liguria cifre più o meno simili, con Genova un po' meno costosa delle altre città.

Lombardia

In Lombardia, un po' a sorpresa, Milano è la più economica, Bergamo la più cara.

Marche

Marche abbastanza economiche, con poca distanza tra città.

Molise

Tanta differenza, invece, tra le due province del Molise, Campobasso e Isernia.

Piemonte

In Piemonte Torino stacca tutte. All'ultimo posto c'è Alessandria, dove la mensa costa molto meno.

Puglia

Grandi differenze anche in Puglia, con Barletta città più economica d'Italia, dove un pasto costa un terzo rispetto ad Andria.

Sardegna

Economica anche la Sardegna, con prezzi un po' più alti a Carbonia.

Sicilia

In Sicilia pagano poco gli abitanti di Catania e Ragusa, molto più care Palermo e Trapani.

Toscana

Grandi differenze pure in Toscana: tra Prato e Livorno "ballano" oltre 70 euro.

Umbria

Perugia molto più economica rispetto a Terni, che abbassa decisamente la media regionale.

Valle d'Aosta

Veneto

In Veneto grandi discrepanze tra Belluno e Padova e il resto della regione: Vicenza è la più economica.

 

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali