Attualità
Codice della strada

Navigatore in auto: quando si rischia una multa fino a quasi 700 euro

Fate attenzione, perché è considerato alla stregua di un cellulare.

Navigatore in auto: quando si rischia una multa fino a quasi 700 euro
Attualità 08 Ottobre 2022 ore 22:55

Il navigatore è diventato uno strumento indispensabile per chiunque si mette al volante. Ma bisogna fare attenzione, perché c'è un caso in cui si rischia una multa fino a quasi 700 euro.

Navigatore in auto: quando si rischia una multa fino a 700 euro

Spesso infatti, nella quotidianità del gesto, non ci facciamo caso, ma ci sono situazioni in cui non ci comportiamo correttamente con il navigatore. Situazioni che possono portare a multe di non poco conto.

A disciplinare la materia è il comma 2 dell'articolo 173 del Codice della Strada:

"È vietato al conducente di far uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici ovvero di usare cuffie sonore, fatta eccezione per i conducenti dei veicoli delle Forze armate e dei Corpi di cui all’art. 138, comma 11, e di polizia. È consentito l’uso di apparecchi a viva voce o dotati di auricolare purché il conducente abbia adeguata capacità uditiva ad entrambe le orecchie che non richiedono per il loro funzionamento l’uso delle mani".

Come comportarsi per evitare la multa

In sostanza, dunque, il navigatore è considerato alla stregua di un cellulare (anche perché spesso lo utilizziamo proprio sullo smartphone). Va dunque impostato prima di partite, non durante il viaggio e neppure quando siamo fermi al semaforo. La norma, infatti, è valida anche se ci troviamo in fermata (che sia il semaforo o a bordo strada). Inoltre anche la posizione ha una sua importanza: non deve essere posizionato in modo da ostacolare la visuale né da distogliere l'attenzione dalla strada.

 A quanto ammonta la sanzione

La multa va da 161 a 646 euro, con il rischio anche della decurtazione dei punti della patente. E se nell'arco di due anni ripetiamo la stessa infrazione scatta pure la sospensione della patente da uno a tre mesi.

Seguici sui nostri canali