Maxi sanzione

Multa da 3,5 milioni a Meta: pratiche scorrette per la creazione di account su Instagram e Facebook

Informazioni poco chiare nella registrazione a Instagram e sulle modalità di cancellazione da Facebook e Ig

Multa da 3,5 milioni a Meta: pratiche scorrette per la creazione di account su Instagram e Facebook
Pubblicato:
Aggiornato:

Nel processo di registrazione ad Instagram gli utenti non hanno ricevuto informazioni chiare sulla raccolta e sull’uso dei propri dati per fini commerciali. Inoltre, in caso di sospensione degli account Facebook e Instagram, non sono state fornite comunicazioni utili per eventuali contestazioni. E così l'Autorità garante della concorrenza e del mercato ha sanzionato per 3,5 milioni di euro Meta per due pratiche commerciali ingannevoli riguardo alla creazione e alla gestione degli account dei social network Facebook e Instagram.

Multa da 3,5 milioni a Meta

L’Agcm ha accertato che Meta, in violazione degli articoli 20, 21 e 22 del Codice del consumo, non ha informato con immediatezza gli utenti iscritti ad Instagram via web dell’utilizzo dei loro dati personali per finalità commerciali.

Inoltre, l’Autorità ha appurato che, in violazione dell’articolo 20 del Codice del consumo, Meta non ha gestito con precisione la sospensione degli account Facebook e Instagram dei propri utenti. In particolare, la società di Mark Zuckerberg non ha indicato come decida di sospendere gli account Facebook (se a seguito di un controllo automatizzato o “umano”) e non ha fornito agli utenti di Facebook e Instagram informazioni sulla possibilità di contestare la sospensione dei loro account (si possono rivolgere a un organo di risoluzione stragiudiziale delle controversie o a un giudice). Infine, ha previsto un termine breve (30 giorni) per la contestazione della sospensione da parte del consumatore.

Queste due pratiche sono state cessate da Meta nel corso del procedimento.

La replica di Meta

A seguito della sanzione, è arriva a stretto giro la replica di Meta:

"Siamo in disaccordo con la decisione presa dall'Agcm e stiamo valutando le possibili azioni da intraprendere. Già da agosto 2023  abbiamo apportato delle modifiche per gli utenti italiani che indirizzano i temi sollevati dell'Agcm. Abbiamo reso ancora più chiaro il modo in cui utilizziamo i dati per mostrare annunci personalizzati su Instagram e fornito agli utenti informazioni e opzioni aggiuntive per fare ricorso in caso di sospensione dell'account".

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali