Attualità
Inizio scoppiettante

Mondiali in Qatar al via tra accuse di partite combinate e tifosi fake pagati per sostenere altre nazionali

Dopo le contestazioni sulla violazione dei diritti umani, sui mondiali invernali non si placano le polemiche.

Mondiali in Qatar al via tra accuse di partite combinate e tifosi fake pagati per sostenere altre nazionali
Attualità 19 Novembre 2022 ore 09:50

A quattro anni di distanza dal trionfo della Francia, si ritorna in campo per conquistare la Coppa del Mondo di calcio. Domenica, 20 novembre 2022, infatti, si disputerà il match d'esordio dei mondiali in Qatar, competizione che purtroppo non vedrà l'Italia tra i suoi protagonisti. Sulla prima World Cup in assoluto che verrà giocata in inverno, tuttavia, dopo le contestazioni per la violazione dei diritti umani per la costruzione di stadi e impianti all'avanguardia, le polemiche non si placano e questa volta riguardano da vicino il rettangolo di gioco...

“Il Qatar ha corrotto l’Ecuador per truccare la gara dei Mondiali”

Un'indiscrezione che lascia veramente senza parole. A quasi 48 ore dal primo match dei Mondiali invernali, quello tra Qatar ed Ecuador, sui social media si è scatenata una vera e propria teoria complottista secondo cui i padroni di casa avrebbero corrotto "otto giocatori ecuadoriani con 7,4 milioni di dollari per perdere la partita inaugurale (1-0 nel 2° tempo)".

A far circolare la voce di una partita combinata è stato Amjah Taha che su Twitter ha anche taggato il Daily Mail, facendo in qualche modo credere che il quotidiano inglese fosse la fonte della notizia bomba. Amjah Taha è in realtà un giornalista britannico-bahreinita che si occupa principalmente di questioni politiche nel mondo arabo e dunque le sue affermazioni vanno analizzate tenendo conto della narrazione che fa dello scenario mediorientale.

Il suo tweet comunque è diventato super virale in Rete, venendo rilanciato anche da un suo collega ecuadoriano, il quale ha dichiarato di averlo contattato in privato e di averne ricevuto in risposta le stesse accuse poco circostanziate, con un particolare in più: ovvero che cinque "insider" che hanno denunciato al giornalista arabo il pagamento degli otto calciatori ecuadoriani lo avrebbero fatto con la speranza che far uscire fuori la vicenda avrebbe indotto i presunti corrotti a giocare invece lealmente il match.

Le prove a carico di questa indiscrezione, tuttavia, avrebbero però troppa poca sostanza per sostenere un'accusa così grave.

L'accusa dei tifosi fake pagati per sostenere altre nazionali

Oltre all'accusa della partita truccata tra Qatar ed Ecuador, in queste ultime ore, sempre sui social media, sta spopolando la notizia che gli organizzatori del mondiale in Qatar avrebbero pagato dei tifosi fake per sostenere altre nazionali. Online, a riguardo, si trovano numerose foto e video che mostrano tifosi con maglie prodotte di recente che si muovono con un determinato ritmo e sono accompagnati dai tamburi.

Stando alle accuse che circolano in rete, si ipotizza che i video siano realizzati con dei figuranti pagati per fingere di essere tifosi. Il tutto per contribuire a creare un’atmosfera di festa che, mancando per diversi motivi, può creare preoccupazioni agli organizzatori della rassegna iridata.

315607064_514187044085169_6752627779162136676_n
Foto 1 di 4
315616965_514186990751841_5159299388596812508_n
Foto 2 di 4
315635695_514187117418495_1592967990443643461_n
Foto 3 di 4
315640075_514187167418490_6140702103617542060_n
Foto 4 di 4

Il Comitato Supremo di Qatar 2022, l’ente che organizza questi Mondiali, ha negato che le persone riprese negli ultimi giorni siano state pagate per tifare, ma i dubbi restano. Di certo, nella maggior parte dei video circolati finora a tifare sono persone che vivono in Qatar...

Seguici sui nostri canali