Attualità
in tutto il mondo

Mercedes richiama un milione di auto per problemi ai freni: i modelli "a rischio"

Si tratta di alcuni modelli immatricolati tra il 2004 e il 2015.

Mercedes richiama un milione di auto per problemi ai freni: i modelli "a rischio"
Attualità 05 Giugno 2022 ore 09:24

Mercedes richiama un milione di auto per un potenziale problema ai freni. Lo ha annunciato l'Autorità federale del trasporti (Kba), indicando anche quali sono i modelli da attenzionare.

Mercedes richiama un milione di automobili

Il colosso automobilistico tedesco sta in questi giorni richiamando numerosi veicoli che potrebbero presentare un problema al sistema frenante.

"Abbiamo scoperto che in alcuni di questi veicoli, la funzione del servofreno potrebbe essere influenzata da una corrosione avanzata nell’area del giunto dell’alloggiamento", hanno fatto sapere da Mercedes.

La corrosione del servofreno può, nel peggiore dei casi, causare la rottura del collegamento tra il pedale del freno e il sistema frenante - spiega la Kba - In questo caso il freno di servizio può smettere di funzionare.

I proprietari delle vetture interessate verranno direttamente contattati da Mercedes-Benz e invitati a portare l’automobile nell’officina indicata per effettuare i controlli necessari a verificare lo stato dell’impianto. Fino a quel momento la casa automobilistica tedesca invita a non utilizzare la propria auto.

Nel caso siano riscontrate anomalie l’officina provvederà alla sostituzione gratuita. In assenza di problemi invece si potrà continuare a circolare per altri due anni prima di essere nuovamente contattati e sottoposti a un ulteriore controllo.

I modelli interessati

I modelli interessati sono quelli risalenti agli anni compresi tra il 2004 e il 2015 delle  serie ML e GL SUV, nonché della monovolume di lusso Classe R

Secondo la Kba, in tutto il mondo sono stati richiamati 993.407 veicoli, di cui circa 70mila in Germania.

In un primo momento sembrava che i modelli da richiamare fossero "soltanto" 300.000, cioè quelli immatricolati negli anni tra il 2006 e il 2012, ma poi la platea è stata allargata.

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter